Milan-Cagliari
Il Milan celebra la vittoria contro il Cagliari (©Getty Images)

Dopo aver visto sbarcare a Milanello ben undici giocatori nuovi non possiamo pretendere altri grossi sforzi sul mercato in entrata in questi giorni, però la sensazione è che la squadra di Vincenzo Montella sia ancora incompleta.

Ovviamente siamo consapevoli che le rivoluzioni non si possono completare in un’estate e che già molto è stato fatto, se andiamo a guardare i giocatori che sono arrivati e quella che era la formazione della passata stagione. Dunque sarebbe eccessivo pretendere tutto e subito da una società che quest’estate ha rafforzato il Milan, rendendo l’obiettivo Champions League non più utopistico come quando qualcuno riteneva l’organico “competitivissimo” e in realtà era da settimo posto.

Se restassimo così, il mercato rossonero sarebbe comunque promosso, però speriamo che possa riuscire a intervenire per prendere due pedine che mancano per migliorare il 4-3-3 su cui mister Montella sta puntando. Servirebbero un centrocampista e un esterno offensivo sinistro per completare la squadra e renderla maggiormente attrezzata per andare in Champions e fare l’Europa League. Eventuali operazioni in entrata, però, dipenderanno dalle cessioni. Sia per ragioni economiche che numeriche è necessario cedere prima di prendere altri innesti.

Contro il Cagliari è parso tra mediana e attacco sia mancato qualcosa. Il Milan ha vinto soffrendo moltissimo e questo tipo di vittorie, complicate, aiutano a crescere. Dunque, nonostante la prestazione non brillante, i tre punti sono molto importanti. Ovviamente c’è tanto da lavorare per migliorare, però il gruppo è all’inizio di un percorso che lo deve portare quando prima a diventare una vera squadra.

Non dimentichiamo che ci sono tanti giocatori nuovi da inserire e che serve un po’ di tempo per integrarli al meglio. Non eravamo fenomeni dopo le vittorie del trittico Craiova-Shkendija-Crotone, ma non siamo diventati scarsi per aver sofferto a San Siro contro un Cagliari che sicuramente merita applausi. Serve equilibrio dei giudizi, quello che da settimane spesso manca da parte di un certo “giornalismo” quando si affronta l’argomento Milan.

Ad ogni modo, il match di San Siro ha messo in evidenza ancora una volta quanto sia fondamentale Suso per il Milan. Lo spagnolo con la prodezza su punizione ha aiutato la squadra a uscire da un momento difficile, consentendo di conquistare tre punti importanti. L’ex Liverpool a breve firmerà un meritato rinnovo del contratto con adeguamento dell’ingaggio. Montella, comunque, deve lavorare in modo tale da non rendere il suo Milan troppo dipendente da Suso.

 

Redazione MilanLive.it