Massimo Oddo
Massimo Oddo (©Getty Images)

MILAN NEWS – Da calciatore si è tolto il lusso di vincere trofei importantissimi, come un Mondiale e una Champions League, quest’ultima con la maglia del Milan. Da allenatore invece la strada appare ben più tortuosa.

Massimo Oddo, ex terzino ed attuale tecnico ancora senza squadra, è stato intervistato oggi da Tuttosport per parlare dei suoi incarichi ma anche della nuova stagione di Serie A, che vedrà il Milan, sua vecchia squadra, tra i protagonisti assoluti: “Chi vince lo scudetto? Juve e Napoli sono un pizzico più avanti. Poi Inter, Roma e Milan. Sì, i rossoneri mi intrigano molto perché hanno lavorato bene sul mercato. Ora bisognerà che si crei il gruppo, quell’alchimia che, per esempio, nel 2006 ci portò ad andare oltre le individualità e a vincere un Mondiale”.

Oddo ha parlato anche delle amicizie nel mondo del calcio, spesso fittizie o davvero esclusive. Ed ha ammesso di essere rimasto legato con una vecchia bandiera rossonera: “Facciamo vite strane, randage. E’ difficile rimanere affiatati, come accadde a noi del Milan nel 2007. Poi ci si perde di vista. Così sono due o tre gli amici per sempre nel calcio. Il mio è Ambrosini“.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it