Urbano Cairo
Urbano Cairo (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Il Torino di Urbano Cairo è stato grande protagonista dell’ultima giornata della sessione estiva del mercato. Tre operazioni importanti messe a segno.

Innanzitutto il club granata i è assicurato M’Baye Niang dal Milan. Un attaccane desiderato da tempo e che Sinisa Mihajlovic voleva fortemente nella squadra. Cairo, intervistato da Radio Sportiva, si è espresso in questi termini sull’operazione: “Ci costerà un totale di 15 milioni ed è la più costosa anche rispetto a quella di Ljaic che era da 8 milioni. Fatta con più serenità grazie all’introito di Zappacosta. Ma alla fine è il campo che dice. Ieri mi ha chiamato il mister per ringraziarmi della campagna acquisti effettuata”.

Il patron granata ricorda la cessione di Davide Zappacosta al Chelsea, un affare da circa 25 milioni più bonus che ha permesso sia di concludere l’acquisto dal Milan di Niang (prestito oneroso a 2 milioni, obbligo di riscatto a 12 e bonus da 1 milione più il 25% della futura rivendita, stando ad alcune indiscrezioni) e anche quello di Cristian Ansaldi dall’Inter (circa 4 milioni tra prestito oneroso e obbligo di riscatto).

Cairo è stato anche interpellato su Andrea Belotti, stella della squadra di Mihajlovic e protagonista di tante indiscrezioni di calciomercato: “Non ho mai avuto paura di perderlo. La mia decisione era di tenere Belotti se non fosse arrivato qualcuno a pagare la clausola, visto che nessuno si è avvicinato ero tranquillo. Resta con noi per questo campionato e poi vedremo”. Nessuno ha messo sul piatto i 100 milioni previsti dalla clausola e il ‘Gallo’ è così rimasto a Torino, almeno per questa stagione.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it