Austria Vienna Milan
Austria Vienna-Milan (©Getty Images)

Prima partita del gruppo D in Europa League per il Milan, che all’Ernst Happel Stadion asfalta letteralmente l’Austria Vienna. Risultato finale 5-1 in favore dei rossoneri, che conquistano i primi tre punti europei nel girone.

Sblocca la partita il missile terra-aria di Hakan Calhanoglu, che piazza la palla all’incrocio. Il turco ispira anche i due gol successivi, che portano la firma di André Silva: grande freddezza del portoghese che davanti al portiere non sbaglia e insacca in rete con facilità.
Nella ripresa cala un po’ la tensione, con gli austriaci che trovano il gol con Borkovic di testa da calcio d’angolo. Il Milan però impiega pochi minuti per rimettere le cose a posto: ci pensa ancora André Silva, autore di una tripletta. Chiude ulteriormente la pratica Suso. Buona la prima per la squadra di Vincenzo Montella, che vince in scioltezza in un campo prestigioso anche se non contro una super corazzata.

Austria Vienna-Milan: tabellino, voti e pagelle

Marcatori: 7′ Calhanoglu (ass. Kalinic); 10′, 20′ André Silva (ass. Calhanoglu x2); 47′ Borkovic; 57′ André Silva (ass. Kessié); 63′ Suso.

Ammoniti: Kessié, Mohammed.

Espulsi: /

AUSTRIA VIENNA: Hadžikić 5; Klein 6, Mohammed 4, Westermann 5 (Dal 41′ Borkovic 6+), Martschinko 5; Sebest 5, Holzhauser 5, Prokop 5,5; Felipe Pires 6, Monschein 5,5, Lee 5. Allenatore: Fink 5
A disposizione: Pentz, Gluhakovic, Tajouri-Shradi, De Paula, Frisenbichler, Borkovic, Salamon.

MILAN: Donnarumma 6; Zapata 6-, Bonucci 6,5, Romagnoli 7 (Dal 74′ Musacchio 6); Abate 6, Kessié 6,5 (Dal 62′ Bonaventura 6), Biglia 6,5, Çalhanoğlu 8, Antonelli 6,5; André Silva 8+, Kalinić 6,5 (Dal 62′ Suso 6,5). Allenatore: Montella 6.
A disposizione: Storari, Musacchio, Calabria, Montolivo, Bonaventura, Suso, Cutrone.

UOMO PARTITA MILANLIVE: André Silva & Hakan Calhanoglu

Europa League, Austria Vienna-Milan: le pagelle dei rossoneri

Donnarumma 6,5: impegnato solo due volte da altrettanti tiri da fuori avversari, lui risponde bene senza troppe difficoltà. Incolpevole sul gol.

Zapata 6-: male in marcatura su Borkovic, che batte Donnarumma per l’1-3. Calo di concentrazione per il colombiano, che fortunatamente non costa caro alla squadra ai fini del risultato.

Bonucci 6,5: forse più a suo agio con due difensori centrali al suo fianco, anche se non è probabilmente questo il test più insidioso da prender come esempio. È comunque un buon inizio, ma il lavoro da fare è ancora tantissimo.

Romagnoli 7: perfetto in tutte le situazioni di gioco. Rientra bene dopo i tanti problemi al menisco sofferti in questi mesi. Da qui in avanti dovrà essere lui l’uomo in più nel reparto arretrato rossonero.
(Dal 74′ Musacchio 6: si posizione alla sinistra di Bonucci, tiene la posizione senza grossi problemi. Ingresso in campo solo per far rifiatare Romagnoli, da poco rientrato dal lungo infortunio).

Abate 6: fa il suo lavoro senza troppi affanni. Tanti inserimenti offensivi alle spalle degli avversari, ma pochi pericoli creati agli avversari.

Antonelli 6,5: tanta spinta, poca o quasi nulla apprensione in fase difensiva. Si incunea tra le maglie avversarie dentro l’area per provare a trovare la gioia personale del gol, senza successo però. Ricardo Rodriguez può dormire sonni tranquilli nel caso volesse, come questa sera, riposare per 90 minuti.

Kessié 6,5: molto più deciso e concentrato rispetto all’ultima partita giocata. Bravo in interdizione, lucido e preciso anche nel servire l’assist per la tripletta di André Silva.
(Dal 62′ Bonaventura 6: entra a match già vinto, ma non si risparmia di correre e creare insidie alla difesa avversaria. Si posiziona alla destra di Biglia, ma si allarga spesso e volentieri quasi da esterno).

Biglia 6,5: partita di sostanza ed ordine a centrocampo, anche se in fase di costruzione viene spesso oscurato da Bonucci. Passeggia in fase di costruzione, lasciando divertire i compagni davanti, in primis Calhanoglu.

Calhanoglu 8: sale in cattedra il turco, che in 20 minuti sblocca il match con un destro all’incrocio violento e preciso come se ne vedono pochi, poi serve anche due assist per André Silva. Bravissimo a recuperare i due palloni che portano al primo e al secondo gol.

Kalinic 6,5: fa tutto bene, gioca per la squadra, ma non riesce a trovare il gol. Poche le occasioni avute per il croato, che comunque può ritenersi soddisfatto del suo esordio da titolare. C’è tanto da lavorare per migliorare l’intesa con i compagni.
(Dal 62′ Suso 6,5: pronti via, scaraventa con rabbia e precisione il pallone in porta per l’1-5. Complice una deviazione sul nascere, il suo sinistro diventa imparabile per il portiere avversario. Svaria su tutto il fronte, senza dare punti di riferimento agli avversari. Vedremo se in futuro troverà spazio proprio in questa posizione dietro l’unica punta).

André Silva 8+: bravissimo a capitalizzare al massimo i due assist precisi di Calhanoglu. Bravo ad involarsi verso la porta con il tempo giusto, freddo davanti al portiere nell’insaccare senza troppa difficoltà.

All. Montella 6: non c’è stato molto tempo per provare il nuovo modulo, ma la squadra è apparsa sicura e decisa nel dominare il gioco e andare in gol. Reazione mentale ottima della squadra dopo il pesante passivo subito pochi giorni prima contro la Lazio.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it