Simone Verdi
Simone Verdi in Bologna-Inter (©Getty Images)

NEWS MILANSimone Verdi ha fatto impazzire l’Inter nella sfida di campionato giocata ieri sera al Renato Dall’Ara. Il talento 25enne ha portato in vantaggio il Bologna, poi raggiunto da Mauro Icardi su calcio di rigore, e ha offerto un’ottima prestazione.

Verdi scatenato in un match molto importante per la squadra di Roberto Donadoni, chiamata a fare risultato per ottenere punti salvezza. Missione compiuta, anche se il penalty concesso ai nerazzurri è stato rocambolesco e fortunato. Il Bologna ha sicuramente qualche rimpianto in più dell’Inter per come si era messa la partita.

E forse qualche piccolo rimpianto c’è pure in casa Milan, dove Verdi è cresciuto ma non ha mai trovato l’occasione di mostrare le proprie qualità in Prima Squadra. Va detto che allora non era pronto e maturo per avere spazio, però forse si poteva ancora attendere prima di disfarsene completamente. Invece la vecchia società ha praticamente regalato Verdi al Bologna, che adesso si gode la sue esplosione.

Giovanni Stroppa lo allenò nella Primavera del Milan e ne conserva un buon ricordo. Queste le sue dichiarazioni a Sky Sport: “Simone al Milan con me era già impressionante. Davvero talento allo stato puro, ora ha trovato continuità e penso possa arrivare ancora più in alto”.

Verdi stesso, proprio a Sky Sport, si è così espresso: “A Bologna ho trovato un ambiente ideale. Ormai non sono più giovane, ho 25 anni, sono maturo ed è arrivata l’ora di fare il salto di qualità. Non ero pronto per poter giocare al Milan in quegli anni. Hanno fatto la cosa giusta mandandomi in prestito e io non ho meritato di indossare quella maglia. A Bologna invece ho trovato l’ambiente giusto per crescere. Mondiale? Non sapevo ci fosse Ventura stasera (ieri, ndr), io penso solo ad aiutare il Bologna a fare più punti possibili”.

 

Redazione MilanLive.it