Montella Suso Bonaventura
Vincenzo Montella, Suso e Giacomo Bonaventura

Fa specie che due dei migliori giocatori del Milan nella passata stagione stiano faticando in questo periodo. Parliamo di Giacomo Bonaventura e Suso, due che lo scorso anno sono stati più volte dei trascinatori per la squadra e che adesso vivono un momento di difficoltà.

Va detto che è tutto il gruppo ad attraversare un periodo complicato, i risultati in campionato lo testimoniano, però questi due giocatori rappresentavano delle sicurezze in casa rossonera fino a poco tempo fa. Adesso, invece, pure loro sono entrati in ‘crisi’. Certamente il passaggio al modulo 3-5-2 può averli sfavoriti. Valorizzati entrambi con il 4-3-3, con il cambio di assetto tattico hanno incontrato delle difficoltà e devono abituarsi a integrarsi nel nuovo sistema.

Bonaventura e Suso, armi fondamentali del Milan

Vincenzo Montella deve recuperare assolutamente Bonaventura e Suso, elementi di qualità che hanno già dimostrato il proprio valore e la loro importanza all’interno della squadra. Serve fare un lavoro importante per fare in modo che entrambi si sentano al centro del progetto e possano rendere al massimo anche con la nuova disposizione tattica.

Jack nel 3-5-2 fa l’interno di centrocampo, una posizione che non lo stravolte rispetto a quando fa la mezzala nel 4-3-3. Eppure qualcosa cambia e finora l’ex Atalanta non è riuscito ad esprimersi al meglio col nuovo modulo. Sicuramente c’era anche un infortunio da smaltire che può averlo condizionato, oltre che un amalgama di squadra complicato da trovare in breve tempo con tanti nuovi arrivati e i frequenti cambi di formazione di Montella. Siamo comunque fiduciosi che Bonaventura presto tornerà sui suoi livelli abituali. Le sue qualità, soprattutto gli inserimenti, sono preziosi.

E abbiamo fiducia anche in Suso, giocatore di classe e al quale non si può rinunciare. Lo spagnolo con le sue giocate, i suoi assist e i suoi gol può essere decisivo in qualsiasi momento. Nel 3-5-2 del Milan fa la seconda punta, posizione già ricoperta al Genoa e che finora non lo ha visto brillare. Sicuramente deve impegnarsi per adattarsi e capire bene i movimenti rispetto a quando agisce da esterno offensivo. L’ex Liverpool ha talento e intelligenza per riuscire ad interpretare bene il ruolo.

Milan, cambiare modulo per valorizzare Bonaventura e Suso?

Montella per il derby Inter-Milan confermerà il modulo 3-5-2 e sia Bonaventura che Suso partiranno titolari, salvo sorprese. Si tratta di un match importante, già decisivo per molti. Dalla squadra rossonera ci si aspettano una prestazione di livello e, soprattutto, la vittoria. Vincere la sfida stracittadina può ridare fiducia all’ambiente, rilanciare le ambizioni di classifica, allontanare critiche e voci negative che gravitano attorno all’ambiente.

Il 15 ottobre scopriremo se la svolta in casa Milan c’è stata, dopo la parziale reazione avuta nella sconfitta contro la Roma. Se le cose non dovessero andare bene, Montella rischierebbe la panchina. Sia in caso di esonero che di sua permanenza possono essere valutati dei cambi tattici per valorizzare meglio

Se si dovesse proseguire con la difesa a tre, non è escluso che si possa arrivare a un 3-4-2-1 in cui Bonaventura e Suso possono essere impiegati sulla trequarti, con Hakan Calhanoglu a contendergli una maglia. Stessa cosa avverrebbe nel 3-4-3. Se venisse deciso il ritorno al 4-3-3, invece, Jack potrebbe fare la mezzala e lo spagnolo l’esterno destro, con il turco che andrebbe a sinistra. Infine c’è l’opzione 4-2-3-1 che vede Bonaventura ala sinistra, Calhanoglu trequartista e Suso a destra. Ma prima di pensare a questo, c’è un derby da vincere e speriamo che Montella trovi la chiave per far rendere al meglio tutti i suoi ragazzi.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)