Ronaldinho: “Tifo sempre per il Milan. Berlusconi manca tantissimo”

Ronaldinho
Ronaldinho (©Getty Images)

MILAN NEWS – Faceva impazzire gli appassionati di calcio di tutto il mondo, tra dribbling, elastici e conclusioni perfette in rete. Ronaldinho Gaucho è stato per anni il miglior calciatore al mondo ed è passato anche per Milanello.

L’ex attaccante di Barcellona e Milan ieri è stato intercettato dalla Gazzetta dello Sport in Salento, a Lecce, per una nuova avventura imprenditoriale in ambito vinicolo. Ma il calcio resta il primo interesse del brasiliano, che è tornato a parlare del club rossonero a cui è legatissimo: “Seguo tutto del calcio italiano e sono informatissimo sul Milan. Da tifoso rossonero, ci terrei tantissimo a vincere questo derby. Chi segna? Non mi interessa, conta solo battere l’Inter. Dopo la rivoluzione sul mercato, i rossoneri dovrebbero realizzare un’impresa per raggiungere l’obiettivo. Chissà, sarebbe più facile nella prossima stagione. Mai dire mai, però. Sia il Milan che l’Inter, magari, lotteranno già quest’anno con Juventus, Napoli e Roma per lo scudetto“.

Impossibile non parlare con Ronaldinho dell’addio di Silvio Berlusconi, presidente che fece carte false per averlo nel 2008 in rossonero: “Ai tempi della mia esperienza nel Milan, chi avrebbe mai immaginato che Berlusconi e Moratti avrebbero abbandonato i loro amori? No, non era assolutamente prevedibile. Ma ci sta, è l’evoluzione di un calcio che è ormai sempre più business. Berlusconi considerava il club e la squadra come la sua famiglia. Sapeva trasmettere la sua passione, la sua competenza, la sua forza. Rimarrò sempre legato a una figura straordinaria”.

Ora c’è un Milan nuovo, gestito dai cinesi e da un allenatore come Vincenzo Montella ancora in discussione. Ma Dinho ha fiducia: “Quando si cambia tanto, bisognerebbe lasciare all’allenatore il tempo necessario per costruire un gruppo, per portare avanti un progetto tattico. Montella, però, sa bene che in certe piazze e, in particolare, in una società come il Milan, che ha fatto la storia del calcio, concedono poco tempo. Mi auguro che arrivino i risultati, magari poggiando su una vittoria nel derby”.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it