Biglia: “Milan, derby decisivo. Squadra con Montella. Bonucci? Troppe critiche”

Lucas Biglia
Lucas Biglia (foto acmilan.com)

MILAN NEWSLucas Biglia sarà il perno del centrocampo di Vincenzo Montella anche nel derby Inter-Milan che andrà in scena domani a San Siro. Dopo i circa 25 mila chilometri fatti tra Europa e Sudamerica, per via della Nazionale, negli ultimi dieci giorni è pronto per la stracittadina milanese.

Il numero 21 del Milan è riuscito a rientrare a Milanello in anticipo per essere a disposizione del mister e preparare una sfida molto delicata, come ha spiegato nell’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport: «Davanti non abbiamo solo un derby, ma una partita che ci può cambiare la stagione, che ci può far compiere il salto di qualità. Occorre dimostrare di essere all’altezza delle big del campionato, di puntare a cose importanti. E di tirare fuori il meglio che abbiamo. Per riuscirci, dobbiamo liberarci l’anima, lasciarci all’esterno la pressione. Se l’Argentina non poteva sbagliare, nemmeno il Milan può farlo. Non possiamo perdere altri punti».

Nell’Argentina è stato Lionel Messi l’uomo decisivo per la qualificazione al Mondiale di Russia 2018. A Biglia viene domandato chi nel Milan può essere il giocatore chiave per battere l’Inter: «Suso. Non voglio mettergli troppa pressione, ma deve iniziare a rendersi conto che se hai qualità superiori, come nel suo caso, occorre metterle a disposizione».

Per l’ex Lazio è Suso il possibile risolutore del derby per i rossoneri. Un giocatore per il quale Vincenzo Montella è stato criticato in merito a ruolo e impiego. L’argentino commenta così il lavoro del mister: «Io dico che stiamo lavorando per arrivare a un buon gioco, stiamo maturando. E dico anche che Montella è una grande persona e un grande allenatore, non è facile per un tecnico mettere insieme undici giocatori nuovi. Siamo tutti dalla stessa parte, siamo tutti con lui al 100%, vogliamo fare bene con un allenatore che ci porta un grande rispetto. Non sarebbe davvero bello cambiare ora».

A Biglia è stato consegnato più volte il grado di vice-capitano, dietro dunque a Leonardo Bonucci. Sul tema della fascia da capitano ha spiegato quanto segue: «La premessa è che in questa squadra ci sono tanti capitani. In generale non credo esista una regola ferrea, lo possono fare i vecchi come i nuovi. Per quanto riguarda Bonucci, per tutto ciò che rappresenta direi che la fascia è stata data alla persona giusta. Trovo che Bonucci stia ricevendo critiche ingiuste ed eccessive. Per fortuna ha il carattere per sopportare tutto questo».

Al centrocampista rossonero viene ricordato che in passato è stato vicino al trasferimento proprio all’Inter, ma lui è felice di dove si trova adesso: «Direi proprio che è andata bene come è andata. Il Milan è un treno che passa una volta sola e le mie idee in proposito erano chiarissime. Sono felice della decisione presa».

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)