Mauro Icardi
Rigore di Mauro Icardi in Inter-Milan (©Getty Images)

Inter mediocre e fortunata, ma con un super Mauro Icardi (tripletta), vince il derby di Milano contro il Milan per 3-2. Partita d’alti e bassi per i rossoneri, che buttano il primo tempo con una prestazione poco consona al livello dei giocatori in campo.

Nella ripresa il Milan si sveglia e mette sotto i nerazzurri per tutto il tempo, trovando il pari in ben due occasioni con Suso e Giacomo Bonaventura (in realtà autogol di Handanovic). Due errori dei singoli, di Lucas Biglia e Ricardo Rodriguez, regalano i gol ad Icardi. Il primo perde palla in mezzo al campo, il secondo cintura l’avversario e il signor Tagliavento (partita mediocre anche la sua) fischia il rigore, che può starci ma sembra abbastanza generoso. La reazione del Milan c’è stata e per poco non si è andati a vincerla, ma certi errori dei singoli e dell’allenatore nel primo tempo, sono costati cari.

Inter-Milan: tabellino, voti e pagelle

Marcatori: 28′; 61′; 90′ (R.) Icardi; Suso; Handanovic autogol.

Ammoniti: Miranda, Romagnoli, Vecino, Gagliardini, Perisic

Espulsi: /

INTER: Handanovic 6; D’Ambrosio 6, Miranda, Skriniar, Nagatomo 5,5; Vecino 6, Gagliardini 5; Candreva 7 (Dal 71′ Cancelo ), Borja Valero 6,5 (Dall’85’ Eder s.v.), Perisic 6,5; Icardi 7,5. All.: Spalletti 6,5.

MILAN: G.Donnarumma 6; Musacchio 5,5, Bonucci 4,5, Romagnoli 5; Borini 6,5, Kessié 5 (Dal 45′ Cutrone 6), Biglia 5, Bonaventura 6,5, Rodriguez 5; Suso 6.5, André Silva 5,5. All.: Montella 5,5.
A disposizione: Donnarumma A., Storari, Abate, Calabria, Gomez, Paletta, Zapata, Gabbia, Locatelli, Mauri, Montolivo, Cutrone.

Inter-Milan: le pagelle dei rossoneri

Donnarumma 6: nulla può sui due gol fortunati di Icardi, che devia nemmeno lui sa come, ma batte l’estremo difensore rossonero. Sul rigore si fa spiazzare. Nient’altro da dire.

Musacchio 5: dovrebbe far meglio in copertura, da lui ci si aspetta di più. Soprattutto sul primo gol di Icardi male, perde la marcatura. Poi si riscatta ma pesa l’errore.

Bonucci 4,5: degli automatismi tra i tre centrali nemmeno l’ombra. In ritardo sul primo gol di Icardi, assente nella marcatura sul secondo gol. Sugli spazi larghi fatica e non poco nel tenere il diretto avversario.

Romagnoli 5: discorso simile a quello fatto per Bonucci. Ci si aspetta qualcosa di più dal giovane rossonero, che appare troppo timido in certe situazioni di gioco.

Borini 6,5: corre dal primo all’ultimo minuto sulla fascia, avendo anche il merito di trovare l’assist per il tiro vincente di Bonaventura. Nella ripresa si mangia in un sol boccone Nagatomo. Peccato non aver portato a casa nessun punto. Su quella fascia difficile togliergli il posto, Calabria e Abate sono avvisati.

Rodriguez 5: che ingenuità quel fallo da rigore su D’Ambrosio. Cintura esagerata ed evidente, ma completamente inutile visto che il pallone era imprendibile per il nerazzurro. Pochi secondi prima però lo svizzero aveva salvato un gol quasi fatto di Eder. Nel corso del match fatica molto contro Candreva, che sembra andare al doppio della velocità.

Kessié 5: troppo assente e svagato nel primo tempo, anche se l’occasione migliore del Milan nella prima frazione nasce proprio da una sua accelerazione nella quale poi serve Borini. Un po’ per il modulo, un po’ per la sua interpretazione del match, lascia spazio ad una seconda punta.
(Dal 45′ Cutrone 6: il suo ingresso dà maggiore pericolosità all’attacco rossonero e maggiori spazi per André Silva. Peccato non sia riuscito a pungere come avrebbe voluto).

Biglia 5: errore imperdonabile in costruzione, che Icardi gli scippa e pochi secondi dopo trasforma nel momentaneo 2-1. Le fatiche con la nazionale si sono fatte sentire, soprattutto nel secondo tempo. Peccato per quell’ingenuità che è costata cara, con il Milan che in quel frangente stava cercando con insistenza il sorpasso.
(Dal 75′ Locatelli 6: buon ingresso del 19enne centrocampista rossonero, che ceca di mettere grinta e fosforo a centrocampo).

Bonaventura 6,5: riesce ad andare in gol, anche se ufficialmente è Handanovic che mette dentro il suo tiro. Partita tra alti e bassi per Jack, che soffre i pochi movimenti dei compagni nel primo tempo. Cresce e migliora alla lunga nella ripresa.

Suso 7: ancora una volta va in gol contro l’Inter, ma anche questa volta non sono arrivati i tre punti. Questa volta addirittura zero, rispetto al pareggio d’andata della scorsa stagione. Straordinario il suo sinistro dai 20 metri. Precisione e potenza, niente da fare per Handanovic. Nella ripresa lo spagnolo si posizione al posto di Kessié e lì sembra trovarsi maggiormente a suo agio.

André Silva 5,5: troppo solo per tutto il primo tempo, meglio nella ripresa con Cutrone al suo fianco. Il portoghese però appare troppo timido, e si fa vedere soltanto in un’occasione con un tiro a giro alla Suso che si stampa sul palo interno.

All. Montella 5: non si può, ancora una volta, regalare un tempo agli avversari. Non nel derby, non per l’ennesima volta. Questa squadra non riesce a chiudersi in difesa, deve proporre gioco. Nel secondo tempo cambia l’atteggiamento e la situazione migliora. Purtroppo due gol non bastano per guadagnare punti.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it