Suso e Mateo Musacchio (©getty images)

MILAN NEWS – L’impressione è che il fallo da rigore di Rodriguez su D’Ambrosio nel finale di un derby combattuto e fino a quel momento in parità non possa cancellare tutto ciò che di buono ha fatto il Milan domenica sera.

Per tale motivo secondo la Gazzetta dello Sport il tecnico rossonero Vincenzo Montella non cambierà modulo e non prenderà in considerazione altri impianti tattici a breve. Il 3-5-2 è confermato ma potrebbe essere utilizzato a trazione anteriore, come nel secondo tempo del derby: una punta in più e un mediano in meno, con Franck Kessié che per rifiatare rischia a questo punto di restare fuori per qualche partita. La propensione offensiva della squadra è stata premiata da un secondo tempo ben giocato e ricco di palle gol, anche se il Milan a tratti è sembrato sbilanciato a centrocampo e con una difesa poco protetta.

E con questo modulo può trovare nuova linfa anche Jesus Suso, uno di quelli che aveva sofferto maggiormente l’abbandono del vecchio 4-3-3 che lo scorso anno lo aveva letteralmente consacrato. Lo spagnolo da seconda punta non rende, preferisce sempre partire da posizioni più laterali e nel secondo tempo di Inter-Milan ha giocato da mezzala destra, con maggiore libertà di movimento e immettendo qualità a centrocampo. Da lì è nato il gol del momentaneo 1-1, con i tifosi rossoneri che hanno rivisto dopo settimane il Suso brillante e letale dello scorso campionato. Da equivoco tattico lo spagnolo deve ora trasformarsi in uomo in più.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it