Vincenzo Montella
Vincenzo Montella (foto acmilancom)

NEWS MILAN – Giornata di vigilia di Europa League in casa rossonera, dato che domani a San Siro si gioca Milan-AEK Atene, valida per la terza giornata della competizione europea.

La squadra di Vincenzo Montella è a punteggio pieno con 6 punti, avendo vinto nettamente 6-1 contro l’Austria Vienna e poi avendo battuto non senza faticare i Rijeka 3-2. La formazione greca guidata da Manolo Jimenez, invece, ha 4 punti dopo aver trionfato 2-1 in Croazia all’esordio e aver pareggiato 2-2 in casa contro la compagine viennese. Quello di domani tra Milan e AEK Atene rappresenta uno scontro diretto in questo momento e per i rossoneri è fondamentale vincere.

Verso Milan-AEK Atene: Montella in conferenza stampa

Nella giornata che precede il match di Europa League è avvenuta la consueta conferenza stampa da Milanello da parte di mister Montella. Tanti i temi da affrontare, anche alla luce di un andamento in campionato deludente che ha visto la squadra perdere il recente derby contro l’Inter ed essere giunta dunque a tre sconfitte di fila, con annesso decimo posto in classifica.

Il mister ha esordito così: “Sono convinto che attraverso che queste partite e le sconfitte l’abito giusto per la squadra. Stiamo migliorando, nelle ultime partite è successo qualcosa di anomalo. Meritavamo due pareggi almeno, staremmo qui a parlare di altro. Comunque serve essere più determinati e grintosi“.

Domani il Milan contro l’AEK Atene può ipotecare la qualificazione al turno successivo di Europa League: “Domani opportunità importante per ipotecare la qualificazione. Match che conta per la classifica, per il nostro percorso e per la continuità che dobbiamo avere sul piano del gioco“.

Si parla poi di Suso mezzala e in generale di come schierare il Milan, considerando che il 3-5-2 non sembra convincere: “Ho fatto riflessioni, sto cercando di capire l’abito migliore per la squadra. Ho le idee più chiare attraverso le esperienza, ma non stravolgerò niente. Abbiamo giocatori che possono crescere e devono crescere, ma che devono pure adattarsi“.

Montella ha espresso il suo parere sull’AEK Atene:”AEK fa un calcio dinamico, sanno adattarsi all’avversario, possono giocare sia a 3 che a 4, sulla trequarti hanno giocatori rapidi e pericolosi“.

Sulla possibilità che si giochi con mezzali tecniche come Bonaventura e Suso: “Nel secondo tempo abbiamo fatto molto bene nel derby, però nel primo tempo abbiamo fatto un tiro in porta entrambe. Non c’è stata grande differenza. La suggestione di mettere Suso mezzala c’è, però serve tempo. La squadra comunque ha dato risposte pure nel derby“.

Si parla poi di Patrick Cutrone: “Patrick è cresciuto moltissimo, è una soddisfazione mia e della società, perché in tempi non sospetti abbiamo un po’ rischiato su di lui“.

Il Milan vuole andare avanti in Europa League: “Ci tengo all’Europa, che è la casa del Milan. Siamo contenti del nostro cammino, anche se vorremmo continuità pure in campionato. Stiamo onorando la competizione“.

Tanti problemi a livello difensivo nella squadra rossonera: “In difesa va migliorato tutto, come singoli e come collettivo. Domenica per occasioni si poteva fare di più, la differenza l’ha fatta la qualità di Icardi che è stato particolarmente cinico. Abbiamo subito gol sia con squadra schierata e che con errori individuali, bisogna migliorare tutto“.

A Milan è mancato un bomber come Icardi, Immobile o altri? “No, non mi presto a questo gioco. Sto sbagliando qualche indumento. La qualità del gioco è sempre più alta e penso che per raggiungere certi livelli ci sia bisogno di tempo. Anche il City con Guardiola al primo anno con tanti soldi spesi è arrivato quarto. La società ha fatto scelte per il futuro, tutto programmato, tranne qualche sconfitta di troppo di cui mi prendo le responsabilità“.

Si parla di Gianluigi Donnarumma nell’impostare a volte da dietro l’azione: “Un portiere bravo è quello che para con le mani e non che gioca coi piedi. Lui è ben allenato rispetto ai principi di gioco della squadra. Dei rischia a volte li prendiamo perché pensiamo che possa dare vantaggi“.

Si passa a parlare di Leonardo Bonucci: “Ogni errore Leo lo paga e lo paghiamo anche noi, ma credo sia una casualità. Comunque è cresciuto e la squadra sta pagando il minimo errore di ognuno“.

Il non turnover di Franck Kessié e in difesa: “Qualcosa cambierò nella formazione, anche se vorrei dare continuità a ciò che porto avanti. Non voglio stravolgere nulla“.

Montella viene interpellato sui possibili nuovi cambiamenti tattici, considerando che Suso da seconda punta non rende: “Suso ha fatto un grande secondo tempo in un ruolo molto diverso. Qualche aggiustamento va fatto, ma non voglio stravolgere la squadra. Difficile fare meglio con 9 giocatori diversi, la squadra sta portando avanti un progetto tecnico e ci stiamo arrivando sul piano del gioco. A livello di sconfitte siamo un po’ indietro rispetto a quanto ci aspettassimo“.

Ancora sull’AEK Atene: “Partita a cui teniamo, le gare in Europa sono sempre difficili. Mi aspetto una partita aggressiva, avversario ostico e con qualità. Bisogna fare tutto bene, sennò si rischia di trovare ancora un rivale molto cinico. Loro si adattano tatticamente all’avversario e serve essere concentrati anche per limitare la loro velocità. Vivo la partita con serenità e sono molto determinato“.

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)