Milan, novembre ‘caldo’: tra Uefa e assemblea soci

Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli (©Getty Images)

MILAN NEWS – Novembre sta per cominciare e sarà un mese caldissimo in casa Milan. Dal punto di vista tecnico c’è da preservare Vincenzo Montella, da far risollevare le ambizioni della squadra sia in campionato che in Europa League e dare una sterzata alla stagione tra gruppo e singoli.

Ma novembre, come scrive la Gazzetta dello Sport, sarà decisivo soprattutto per le sorti del club; due le date significative: giovedì 9 novembre, quando Marco Fassone dovrebbe volae a Nyon per discutere finalmente con l’UEFA riguardo al ‘voluntary agreement’, ovvero il regime di auto-ammissione per evitare sanzioni e ostacoli dal Fair Play Finanziario. L’idea è quella di presentare un piano che permetta al maggiore organo calcistico europeo di concedere al Milan investimenti importanti a patto che nel triennio 2018-2021 il club rientri dei debiti e abbia al massimo un passivo di bilancio da 30 milioni di euro. Altrimenti si passerà al ‘settlement agreement’, regime più fiscale a cui hanno attinto Inter e Roma con sanzioni non altissime ma vari paletti sul mercato.

L’altra data chiave è quella di lunedì 13 novembre: in quel giorno andrà in scena a Casa Milan l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio. Sicuramente i documenti verranno approvati, anche dopo lo slittamento di tale riunione di circa un mese, ma sarà interessante per capire i prossimi passi ed approcci col progetto finanziario della proprietà cinese e soprattutto sulle mosse future per rifinanziare il debito con Elliott Management.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it