Carlo Ancelotti
Carlo Ancelotti (©Getty Images)

Carlo Ancelotti continua ad essere il maggiore candidato per diventare il nuovo commissario tecnico della Nazionale maggiore italiana. Il suo nome è quello rilanciato da tutti i media praticamente.

Sembra che l’ex allenatore di Parma, Juventus, Milan, Chelsea, PSG, Real Madrid e Bayern Monaco sia tentato da un’avventura sulla panchina azzurra. Nonostante la corte dell’Arsenal e di altri club, Carletto starebbe prendendo seriamente in considerazione l’ipotesi di diventare il successore di Giampiero Ventura.

Dalle news del Corriere della Sera emerge che Ancelotti per accettare vuole delle garanzie ben precise. Innanzitutto un contratto fino al 2022, quando si disputerà il Mondiale in Qatar, e mano libera sia sulla scelta dei collaboratori che sul progetto tecnico. Soprattutto pretende una chiarezza politica che, al momento, Carlo Tavecchio non è in grado di garantire. Ecco perché diventa cruciale il Consiglio Federale. Le due questioni si intersecano. Ma quella politica è prioritaria rispetto a quella tecnica.

L’operazione Ancelotti non è semplice. Al momento la trattativa è in corso, però senza le garanzie richieste non ci sarà modo di portare Carletto a guidare la Nazionale italiana. In questo momento è lui la prima opzione. L’alternativa preferita da Tavecchio è Antonio Conte, anche se tutt’altro che facilmente percorribile. Poi ci sono anche i nomi di Roberto Mancini e Claudio Ranieri, pure loro impegnati con altri club adesso.

 

Redazione MilanLive.it