Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

NEWS MILAN – In questi giorni grande caos attorno a Gianluigi Donnarumma. Una situazione che pesa su questo ragazzo di 18 anni, pesantemente contestato dalla Curva Sud e con una serenità difficile da mantenere.

Ovviamente sono parecchi i 18enni che vorrebbero avere i problemi di Gigio, considerando che nel frattempo guadagna 6 milioni di euro annui, però in questo momento nell’ambiente Milan bisogna fare in modo che lui e tutta la squadra lavorino in tranquillità. Purtroppo con personaggi come Mino Raiola nel calcio le tensioni non mancheranno mai e in casa rossonera lo stanno vedendo da mesi.

Oggi il quotidiano Libero, però, pone l’accento sui genitori di Donnarumma. Il giornalista Fabrizio Biasin scrive testualmente: “Nel caos generale, tutti hanno fatto il loro mestiere: i buoni, i cattivi, i tifosi, persino i commentatori. Tutti tranne papà e mamma. Dove sono il signore e la signora Donnarumma? Gigio è ormai maggiorenne, ma sappiamo anche che in presenza delle lacrime (le abbiamo viste) di un 18enne una famiglia non può far finta che sia tutto «normale». Questa faccenda non è normale: non è normale che Donnarumma sia sballottato tra la volontà di fare il portiere al Milan e le pressioni di chi gli promette un contratto migliore da altra parte (10 milioni al Psg?); non è normale che babbo e mamma non dicano «tra un contratto da milionario e un altro da multi-milionario scegliamo il primo, anche solo perché evita a nostro figlio di ritrovarsi sotto una pressione psicologica devastante»”.

Donnarumma già era stato sotto pressione in estate, ma tutto finì con i sorrisi assieme a Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli al momento del rinnovo di contratto con il Milan. Evento a cui Raiola non partecipò. E a proposito dell’agente, Biasin si chiede perché il Palazzo del calcio non intervenga dopo che il trambusto che ha creato al club a metà stagione.

 

Redazione MilanLive.it