Simone Verdi
Simone Verdi (©Getty Images)

MILAN NEWS – Quella che poteva essere l’operazione italiana più onerosa di questo mercato di gennaio, Simone Verdi al Napoli, si è conclusa con un nulla di fatto. Il calciatore cresciuto nel settore giovanile del Milan ha infatti preferito rimanere al Bologna.

Intervistato da Premium Sport, Luca Antonini ha raccontato un retroscena su Verdi, con cui si è allenato ai tempi in cui entrambi vestivano la maglia rossonera: “Ai tempi del Milan Leonardo impazziva per lui, che calciava nello stesso modo sia di destro che di sinistro”. Nell’estate 2011 andò al Torino, e da lì cambiò moltissime squadre: dal Carpi all’Empoli, passando per l’Eibar in Spagna. Nell’estate 2016 la cessione dal Milan al Bologna, con l’esplosione alla corte dell’ex rossonero Roberto Donadoni.

L’ex allenatore del Milan Leonardo lo apprezzava, ma Verdi ha impiegato oltre 5 anni per diventare un giocatore potenzialmente da big: “Si vedeva – racconta Antonini – che Simone aveva delle grandi doti, ma non era cresciuto fisicamente: doveva farsi le ossa. Si è allenato con noi in prima squadra per sei mesi perché Leonardo ne era innamorato e l’avrebbe tenuto”.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it