André Silva
André Silva (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Il Milan non vende i suoi calciatori. O meglio: non vende quelli su cui ha puntato fin dall’inizio del progetto. E fra questi ci sono soprattutto i nuovi acquisti; molti dei quali non sono ancora riusciti ad esprimere il loro talento.

André Silva è il caso più eclatante. Nei piedi e nella testa ha tutto quello che serve per diventare uno dei migliori attaccanti al mondo. Finora in rossonero lo ha dimostrato solo in Europa League. Nessuna rete invece in campionato. Anche perché, ed è giusto sottolinearlo, di occasioni ne ha avute davvero poche.

Un periodo no il suo. Che però non lo tiene lontano dalle voci di mercato. Anzi, tutt’altro. E infatti quello di André Silva è un nome che circola. In Inghilterra soprattutto: in principio l’Arsenal, poi Wolverempthon e infine Swansea. Ma il Milan non ne vuole sapere: il portoghese resta. Con la speranza che prima o poi metta finalmente in luce tutto il suo talento.

La blindatura definitiva è arrivata direttamente dalla bocca di Gennaro Gattuso in conferenza stampa. Prima lo ha elogiato per il suo atteggiamento: “Ha una grande voglia. Deve migliorare in alcuni aspetti, ma si allena sempre bene e con professionalità”. E sa benissimo che per recuperarlo dovrà farlo giocare: “La responsabilità più grande è la mia. Devo trovare il coraggio di buttarlo nella mischia e dargli coraggio”.

L’allenatore ha confermato le indiscrezioni di calciomercato Milan che circolano in questi ultimi giorni. E cioè che André Silva è richiesto da tante squadra: “E’ molto forte e non è un caso che tante squadre lo richiedono. Ma la società lo vuole tenere. Devo trovare il momento giusto per metterlo in campo“.

Speriamo che questo momento arrivi presto. In settimana è stato provato più volte nella formazione titolare in allenamento. Ma le voci danno Nikola Kalinic in vantaggio per il ruolo da titolare domani a Cagliari. Intanto André Silva continua a lavorare duramente in attesa dell’occasione giusta. Che prima o poi arriverà, soprattutto in questo difficile periodo che vedrà il Milan impegnato undici volte in quarantatré giorni.

 

Redazione MilanLive.it