Lorenzo Pellegrini
Lorenzo Pellegrini (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – In estate al Milan c’è stata una vera e propria rivoluzione. Dopo mesi di riflessioni e progetti prima del closing e dell’estate, la nuova proprietà ha messo nel mirino degli obiettivi e li ha raggiunti.

Alcuni però sono sfumati. Ma solo ed esclusivamente per una volontà diversa di questi. Come nel caso di Lorenzo Pellegrini, sotto l’attenta osservazione di Massimiliano Mirabelli per tanto tempo durante la scorsa stagiona al Sassuolo. Il Milan ha mostrato interesse e si è fatto avanti. Ma ad avere la meglio è stata la Roma. Che ha semplicemente pagato la clausola di riacquisto di 10 milioni ai neroverdi per riportarlo a casa.

Si pensava ad una mossa quella dei giallorossi per rivendere il centrocampista ad un prezzo più alto. E invece niente da fare: Eusebio Di Francesco, che lo ha avuto al Sassuolo, ha spinto per averlo ed è stato accontentato. E Pellegrini stesso aveva in mente solo quella opzione. Niente da fare quindi per il Milan che ha dovuto ripiegare su altri obiettivi.

Ma il centrocampista non ha rifiutato soltanto le avances dei rossoneri. Anche le proposte di Juventus e Lazio sono state rispedite al mittente. Intervistato da SportWeek, il giovane calciatore ha raccontato: “Con i procuratori abbiamo valutato tutte le opzioni, perché all’inizio erano interessate altre squadre. Ma quando si è fatta avanti la Roma… In famiglia, poi… Figuratevi mio padre. La Roma ha esercitato la ‘recompra’, quindi non ha dovuto trattare con il Sassuolo, è stato più facile per tutti. E con Di Francesco avevo già trascorso due anni importanti“.

 

Redazione MilanLive.it