Andrè Silva
Andrè Silva (©Getty Images)

MILAN NEWS – La partita di André Silva ieri contro il Ludogorets si racchiude in un destro sporco bloccato dal portiere avversario e in una sponda più elegante che efficace.

L’attaccante del Milan, considerato ad inizio stagione un gioiello pronto ad esplodere, ieri sera non è riuscito a pungere neanche sui territori da lui preferiti, quelli dell’Europa League dove nella prima fase di stagione era riuscito a mettere a segno ben 8 reti tra preliminare, playoff e girone. Ieri André Silva è risultato impalpabile, ha servito 18 palloni giocabili ai compagni ma ne ha persi altrettanti. Come scrive la Gazzetta dello Sport, l’appuntamento di ieri sembrava quasi come una festa di compleanno per il portoghese: avversario modesto, qualificazione archiviata, spazio da titolare per 90 minuti. Ma il giocatore ha preferito non ‘scartare’ il regalo.

Nonostante a fine partita Gennaro Gattuso lo ha comunque elogiato per l’impegno e per i movimenti fatti in fase offensiva, il Milan non può essere contento della prova di ieri. Una chance sprecata da questo giovane centravanti, che è a secco ormai da esattamente tre mesi. L’ex Porto aveva dato segnali di risveglio contro la Sampdoria, ma ieri sera ha deluso. Ora, con il buon momento di Patrick Cutrone e il rientro di Nikola Kalinic, rischia di tornare ad essere la terza scelta in attacco. Vedremo che spazio avrà nei prossimi impegni con Roma, Lazio e Inter. Di sicuro André Silva può e deve dare di più.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it