Galliani: “Dopo Lazio-Milan ho scritto a Fassone e a Gattuso”

Adriano Galliani
Adriano Galliani (©Getty Images)

NEWS MILANAdriano Galliani nell’aprile 2017 ha lasciato il club rossonero dopo il passaggio di proprietà da Fininvest a Yonghong Li, ma continua a seguire la squadra da tifoso.

Ha ammesso lui stesso che, come tanti brianzoli, inizialmente tifava per la Juventus. Ma lavorando nel Milan e passandovi trentuno anni la sua fede è cambiata calcistica è cambiata radicalmente. Celebri sono le sue pazze esultanze quando la squadra segnava e vinceva.

Attualmente Galliani è candidato al Senato con il partito politico Forza Italia di Silvio Berlusconi per le elezioni che si svolgeranno domenica. Quello sarà anche il giorno del derby Milan-Inter, che lui domenica sera vivrà con «la passione di sempre», come dichiarato all’agenzia Ansa.

Nel 2001 il Milan vinse 6-0 contro i nerazzurri, due giorni dopo Berlusconi e la Casa delle Libertà sconfissero Francesco Rutelli e l’Ulivo. L’ex amministratore delegato rossonero commenta: «Si può ripetere questo scenario? Un 6-0 sarebbe chiedere troppa grazia a Sant’Antonio… Però una doppietta sarebbe bella».

Galliani poi conferma che mercoledì sera ha esultato per i rigori di coppa Italia «come per quelli della Supercoppa di Doha. Poi ho subito mandato un messaggio a Fassone, a Gattuso, a un pò di giocatori che hanno segnato i rigori, tipo Bonaventura e Romagnoli, e a Gigio Donnarumma che li ha parati».

 

Redazione MilanLive.it