Milan, Bonaventura: “Possiamo fare bene. Contento del mio ruolo”

Giacomo Bonaventura
Giacomo Bonaventura (©Getty Images)

MILAN NEWS – Mercoledì di vigilia per il Milan, che torna in campo in Europa League. A San Siro, domani alle 19, arriva l’Arsenal per l’andata degli ottavi di finale.

Per la squadra rossonera è un test importante, il primo per tanti giovani, ma anche per quelli più grandi, che però non hanno mai avuto la possibilità di giocare partite di questo livello. Fra questi c’è anche Giacomo Bonaventura, che ha disputato le sue prime partite in una competizione continentale soltanto quest’anno. Il 5 milanista è uno dei leader tecnici di questa squadra. E, nonostante l’inesperienza, è pronto a fare la sua parte per arrivare al risultato sperata.

Milan-Arsenal: le parole di Bonaventura

Bonaventura è intervenuto in conferenza stampa insieme a Gattuso. Contro i Gunners sarà una sfida molto difficile, così come le ultime partite contro Roma e Lazio: “Abbiamo giocato contro due squadre di livello europeo, c’è la consapevolezza di poter fare bene anche domani. Giocare contro le squadre di vertice si gioca un calcio di grande livello, sono partite simili con quelle d’Europa. Il derby del 27 dicembre ci ha dato la convinzione che il nostro lavoro avrebbe portato dei frutti”.

Non c’è bisogno di creare motivazioni: “Si prepara da sola perché ci sarà uno stadio pieno, affronteremo una squadra come l’Arsenal. Il mister ci preparerà dal punto di vista del campo, delle difficoltà e situazioni“. Con il rinvio del derby il Milan ha avuto la possibilità di riposare, ma la squadra si è allenata duramente: “Fisicamente è stato positivo. Allenarsi invece di giocare è più rigenerante, perché lo stress della partita ti toglie energie“.

Bonaventura è convinto che quello di mezzala è il ruolo giusto per lui: “E’ un ruolo che mi piace, l’ho fatto anche prima per molto tempo. Sono contento, con questo modo di giocare sono coinvolto in tutte le fasi“. A Jack viene chiesto se gli piacerebbe giocare in Premier League, ma lui dribbla: “E’ un campionato affascinante. Diverso, non migliore o peggiore. Da noi ci sono aspetti tattici più sviluppati, da loro prevale l’aspetto agonistico“.

 

Redazione MilanLive.it