Gennaro Gattuso
Gennaro Gattuso (©Getty Images)

MILAN NEWS – Non sappiamo se le probe tattiche viste in questi ultimi allenamenti a Milanello riguarderanno solo la gara di giovedì oppure rappresenteranno una soluzione anche per il resto della stagione.

Fatto sta che Gennaro Gattuso sta studiando il ritorno al 4-4-2 come modulo di partenza del suo Milan, che andrà all’assalto dell’Arsenal in Europa League nella speranza di riuscire in una rimonta quasi disperata. Si parte dallo 0-2 dell’andata e Gattuso ha pensato dunque di riproporre come schema base ciò che ha sperimentato con fortuna nel finale di Genoa-Milan. Il passaggio dal 4-3-3 al 4-4-2 vorrebbe dire maggiore profondità e presenza in area avversaria, ma anche il rischio di perdere più palloni ed essere vulnerabile al centro del campo. Ma è l’unico modo per mettere subito pressione agli inglesi.

Come scrive la Gazzetta dello Sport di oggi, il Milan torna all’antico con questo modulo: il 4-4-2 è lo schema base utilizzato da Arrigo Sacchi e Fabio Capello, due tecnici vincenti e che hanno rivoluzionato l’immagine rossonera tra anni ’80 e ’90. La fantasia si svilupperà sulle corsie laterali, con Suso e Bonaventura a spingere come fecero elementi del calibro di Donadoni o Savicevic, mentre in attacco i giovani Cutrone e André Silva dovranno tentare di duettare e trovare il giusto feeling. Una soluzione che Gattuso sta studiando da giorni e sembra intenzionato a mettere in atto, facendo felice anche Silvio Berlusconi, che ha da sempre fatto sapere di voler ammirare le due punte in campo e non un 4-3-3 a tratti troppo poco offensivo.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it