San Siro
San Siro (©Getty Images)

Nei mesi scorsi Mediapro si è aggiudicata i diritti tv della Serie A con un’offerta per il triennio 2018-21 di 1 miliardo e 50 milioni di euro. Offerti ben 230 milioni in più di quanto abbiano fatto i broadcast italiani.

Adesso però la partita si riapre nuovamente, e fino al 21 aprile le emittenti italiani potranno avanzare la propria offerta per ottenere i diritti direttamente da Mediapro. Stando a quanto scrive oggi Il Corriere dello Sport, Sky Italia avanzerà un’offerta superiore ai 630 milioni di euro per avere il pacchetto base da 380 partite e quelli accessori per la personalizzazione editoriale. Da non dimenticare il “Lega Channel”, ovvero il piano alternativo, per cui Mediapro continua a spingere. Ma Sky è destinata a fare da ago della bilancia: quindi davanti ad un’offerta effettivamente importante e in grado, insieme a quelle per le altre piattaforme, di far rientrare gli spagnoli dall’investimento di 1,05 miliardi, i giochi sarebbero fatti. E, inevitabilmente, il discorso “Lega Channel”, pur rimanendo sul tavolo, finirebbe per slittare al 2021. Mancano 10 giorni al 21 aprile, ovvero il giorno in cui scadrà il termine per presentare le offerte in busta. Vedremo come si risolverà tale ingarbugliata situazione.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it