Gennaro Gattuso
Gennaro Gattuso (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il Milan ritorna alla vittoria, 2-1 contro il Bologna, grazie ai gol di Calhanoglu e Bonaventura, non senza qualche sofferenza nel finale nonostante le tante occasioni create. Nel post-partita dichiarazioni per Gennaro Gattuso.

Il tecnico rossonero, ai microfoni di Premium Sport, ha commentato la prova della sua squadra: “Ma che sofferenza? Se arrivi 4-5 volte davanti al portiere e non la chiudi… Venivamo da un periodo brutto, abbiamo trascorso giorni migliori. Abbiamo messo la faccia, oggi non era facile. C’era rammarico per le conclusioni non segnate, ma si sa che dobbiamo migliorare. Problema del gol? Bisogna lavorare, creare occasioni e arriverà il momento che segneranno. L’importante è arrivarci al momento, bisogna migliorare le conclusioni, ma se non chiudiamo, poi gli avversari hanno sempre le loro chance”.

Su André Silva e sui prossimi impegni: “Cutrone stava tenendo bene il campo, ha creato tanto. Ho messo Kalinic, e basta. La priorità non è Silva, sono altre per il momento. Poi vi mando la mia mail e i tifosi mi scriveranno. Pensiamo prima all’Hellas Verona. Col Benevento abbiamo visto cosa siamo capaci a fare. Recuperiamo energia, arriva il caldo, abbiamo giocato tantissimo e qualche elemento sta facendo male sin qui. Prima pensiamo al Verona, poi alla finale di Coppa Italia e infine all’Atalanta“. 

Il paragone tra il suo primo Milan da calciatore e quello attuale: “Quella era un’altra epoca, altro calcio, anche se sono passati pochi anni. Quella era una squadra che all’inizio faticava, quando sono arrivato abbiamo faticato tanto, non ci siamo nemmeno qualificati in Champions. Oggi tutti del ’94 e del ’95, sappiamo giocare a calcio, abbiamo dei buoni concetti. Bisogna mettere la giusta testa. Abbiamo un’età media bassa e i presupposti per fare bene ci sono”.

Ancora sulla mentalità della squadra, in particolare sul dato dei tanti punti persi con le piccole: “Se andiamo a vedere gli ultimi 4-5 anni, con le piccole mancano punti. Quando giochi con le big e non fai tirare i grandi campioni… E’ questione di mentalità, di starci con la testa. La crescita è importante, non è un caso se negli ultimi anni perdi sempre punti con le piccole. Questa squadra può solo crescere, ha buone fondamenta. Possiamo migliorare tanto sotto ogni punto di vista, anch’io devo migliorare. Ho poca esperienza, anche se alleno una grande squadra”. 

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it