Massimiliano Allegri Gianluigi Buffon
Gianluigi Buffon e Massimiliano Allegri (©Getty Images)

MILAN NEWS – La finale di Coppa Italia fra Juventus e Milan è un evento molto atteso. Nella consueta conferenza stampa di vigilia, Gennaro Gattuso ha parlato della grande importanza di questa partita per il presente e per il futuro.

Anche Massimiliano Allegri ha incontrato i giornalisti nella sala stampa dello stadio Olimpico di Roma. Il tecnico bianconero conosce molto bene il suo collega: “Rino è un appassionato di calcio e un testone. Non è semplice sedere sulla panchina del Milan dopo esperienze molto diverse: è stato ed è molto bravo. A vederlo mi sembra molto migliorato e anche un po’ più pacato, questo è un bel segnale. Domani sera però spero che si incazzi un po’, perché vuol dire che alcune cose non vanno bene…“.

Sulla presenza di Mehdi Benatia in difesa: “O gioca lui o Rugani. Sicuramente giocheranno due tra Rugani, Barzagli e Benatia se decideremo di fare la difesa a tre, ma non è detto. Mandzukic? Stanno tutti bene“.

In conferenza stampa presente anche Gianluigi Buffon, che si affida ai precedenti: “Per la storia col Milan ho capito, fin dal 2003 (finale di Champions League, ndr), che non si parte mai da favoriti. A oggi penso, dopo 4 finali contro di loro, che la partita difficilmente finirà al 90’ e ci sarà come sempre grande equilibrio”. Sulla stanchezza accusata dalla squadra in queste ultime partite: “Non esiste in queste partite. Siamo stanchi noi quanto il Milan: la stanchezza sarebbe solo un alibi per gestire un post brutto risultato”. Infine, su Gianluigi Donnarumma: “Il discorso sui portieri italiani sarebbe lungo da fare. Donnarumma meritatamente sarà il portiere di riferimento italiano dei prossimi anni“.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it