Ignazio Abate Alejandro Gomez
Alejandro Gomez vs Ignazio Abate (©Getty Images)

Fischio finale all’Atleti Azzurri d’Italia, match valido per la 37.a giornata di Serie A. Atalanta-Milan 1-1. I nerazzurri pareggiano nel finale con Andrea Masiello, dopo il gol del vantaggio firmato da Franck Kessié.

Il Milan manovra maggiormente, i nerazzurri si limitano ai contropiedi e al pressing alto. Tanti falli, graziato più volte Mattia Caldara e soprattutto Alejandro Gomez, che si è reso protagonista di un gesto clamoroso e antisportivo contro il suo connazionale Lucas Biglia: colpo del Papu con il ginocchio sulla schiena del mediano rossonero, il quale è comunque rimasto in campo e non ha risparmiato qualche parola a Gomez. Tante occasioni su palla inattiva per il Milan, che sin qui non è riuscito ad approfittarne.

Nel secondo tempo il Milan prima soffre la pressione avversaria, poi riesce a trovare il gol con Franck Kessié che con un destro forte e rasoterra, non lascia scampo al portiere. Segue l’espulsione di Toloi e gara almeno sulla carta, in discesa per i rossoneri. Ci pensa Riccardo Montolivo ad annullare il vantaggio numerico, con un’ingenuità che gli costa il rosso (forse troppo esagerato). Nel finale è Andrea Masiello a battere l’incerto Gianluigi Donnarumma, dopo la marcatura superficiale di Ignazio Abate in area. Milan ufficialmente in Europa League, ma non ancora sicuro del sesto posto utile ad evitare il doppio preliminare tra luglio e agosto. Domenica prossima ultima giornata contro la Fiorentina a San Siro.

Atalanta-Milan: tabellino, voti e pagelle

Marcatori: 60′ Kessié; 92′ Masiello (ass. Ilicic).

Ammoniti: Masiello, Abate, De Roon, Calhanoglu, Romagnoli, Ilicic.

Espulsi: Toloi, Montolivo.

ATALANTA: Berisha 6; Toloi 5, Caldara 5,5, Masiello 7; Castagne 5 (Dal 79′ Hateboer 6), De Roon 6, Freuler 6, Gosens 6; Cristante 5 (Dal 70′ Haas 6); Barrow 5 (dal 55′ Ilicic 6-), Gomez 6,5.
Allenatore: Gasperini 6.

MILAN: G. Donnarumma 5; Abate 5, Bonucci 6, Romagnoli 6, Rodriguez 6-; Kessié 6,5, Biglia 6 (Dal 45′ Montolivo 4,5), Bonaventura 6 (Dall’83’ Borini 6); Suso 5 (Dal 77′ Locatelli 6), Kalinic 6,5, Calhanoglu 6.
Allenatore: Gattuso 6.
Panchina: Donnarumma A., Storari, Antonelli, Calabria, Gomez, Musacchio, Locatelli, Mauri, Montolivo, Borini, Cutrone, André Silva

Atalanta-Milan: le pagelle dei rossoneri

Donnarumma 5: mai realmente impegnato per tutto il match, nel finale però non è sicuro sulla testata di Masiello. Palla al corpo, che Gigio non riesce a mettere fuori dallo specchio. Poteva decisamente fare di più. Incerto anche in un altro paio di occasioni poco pericolose per il Gigio di qualche settimana fa.

Abate 5: altra marcatura in area eccessivamente mediocre e superficiale, come già accaduto in Torino-Milan su De Silvestri. Stavolta il fortunato a guadagnare dei regali di Ignazio da Sant’Agata de Goti è Masiello. Peccato perché nel complesso la sua prestazione era stata positiva, anche se non era praticamente mai riuscito a fermare Gomez.

Bonucci 6: tiene bene l’inesperto Barrow, fa il suo lavoro senza troppe apprensioni.

Romagnoli 6: attento e aggressivo su ogni pallone che si aggira dalle sue parti.

Rodriguez 6-: bravo nelle diagonali difensive, si propone in fase di costruzione. Assente invece in avanti.

Kessié: tanti inserimenti alle spalle di Suso, gran duello fisico contro Masiello. Sblocca il match con un rasoterra spettacolare che non lascia scampo al portiere. Fisicamente potrebbe non essere al meglio, ma è l’ultima cosa che si nota della sua partita.

Biglia 6: colpito in maniera tutt’altro che sportiva da una ginocchiata sulla schiena dal connazionale Gomez, Lucas viene fatto uscire per precauzione al termine del primo tempo. Un paio di palle perse nel primo tempo, ma la sua importanza in costruzione e interdizione è palese e oggettivamente innegabile.
(Dal 45′ Montolivo 5: ha sulle spalle l’ingenua e clamorosa espulsione. Forse esagerata, ma l’intervento è scomposto e l’arbitro certamente si è fatto condizionare dall’ambiente e dagli avversari così come tutto il match del resto).

Bonaventura 6: gioca quasi da trequartista nel primo tempo, creando apprensioni agli avversari che devono tenerlo d’occhio. Nel secondo tempo cala il suo apporto generale alla manovra.
(Dall’83’ Borini 6-: fa il suo lavoro negli ultimi minuti, anche se poteva tenere più palloni in avanti).

Suso 5: si muove più del solito sul fronte offensivo, creando apprensione agli avversari. Troppo spesso si intestardisce nelle finte destro-sinistro anziché fare subito la giocata. Nella ripresa sparisce praticamente dal match.

Calhanoglu 5,5: meno lucido del solito dalle sue parti, ma riesce comunque a creare apprensioni quando riceve palla frontalmente o prova i cross da palla inattiva. Peccato non sia letale come al solito, oggi il suo contributo poteva essere decisivo per come si era messo il match.

Kalinic 6+: tra i migliori del match, non per pericolosità sottoporta, quanto per funzionalità. Ottimo lavoro spalle alla porta, mette in crisi gli avversari e procura parecchie punizioni. Peccato che nel finale gli manchi lo spunti fisico per andare in profondità e tenere più palloni in avanti lontano dalla porta di Donnarumma.

All. Gattuso: purtroppo a tradirlo è stato uno dei suoi giocatori più esperti, ovvero Montolivo, subentrato al posto di Biglia colpito in maniera tutt’altro che sportiva da Gomez. In superiorità numerica il match si poteva portare a casa. Il Milan è comunque sicuro di partecipare alla prossima Europa League, ma domenica dovrà blindare il sesto posto contro la Fiorentina per evitare il doppio preliminare a luglio e agosto.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it