Yonghong Li David Han Li Marco Fassone
Yonghong Li, David Han Li e Marco Fassone (©Getty Images)

MILAN NEWS – Si avvicina a grandi passi la sentenza dell’UEFA, o meglio della camera giudicante di Nyon, che stabilirà quale sanzione esemplare verrà inflitta al Milan per via dei dati negativi del proprio bilancio.

Secondo quanto scrive oggi Tuttosport il club rossonero si sarebbe già mosso in tal senso, inviando nella giornata di ieri la propria memoria difensiva per cercare di convincere l’UEFA a non applicare la punizione più grave e dura, ovvero l’esclusione del Milan dalle competizioni europee per la prossima stagione. Per evitare tale danno economico e di immagine internazionale, Marco Fassone avrebbe preparato con l’aiuto degli altri dirigenti tale rapporto che dovrebbe dimostrare la crescita a livello finanziario del club e soprattutto i miglioramenti dal punto di vista di ricavi e partnership.

In particolare il Milan tramite questa memoria avrebbe indicato delle precise garanzie economiche, dimostrando così alla Adjudicatory Chamber di poter rientrare dai debiti senza dover passare dalle mani facoltose ma allo stesso tempo pericolose del fondo Elliott Management, ente che ha prestato complessivamente 303 milioni di euro lo scorso anno per la gestione societaria iniziale. Ovvio che sarà arduo far cambiare idea all’UEFA riguardo alla figura di Yonghong Li, l’azionista di maggioranza giudicato fin troppo misterioso per poter guidare un club come il Milan, ma la speranza è che i giudici valutino soltanto lo stato delle finanze e la crescita societaria tralasciando le dicerie degli ultimi tempi su mister Li.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it