Yonghong Li
Yonghong Li (immagine AC Milan)

MILAN NEWS – Tre settimane per salvare la faccia e conoscere il vero destino suo e del Milan. L’azionista di maggioranza Yonghong Li ha 21 giorni a disposizione per agire e far bene in nome del club di cui è proprietario.

La prima mossa da attuare nel più breve tempo possibile è quella di reperire un socio di minoranza e chiudere la trattativa; le nuove indiscrezioni lanciate dalla Gazzetta dello Sport parlano di un possibile ingresso al 40% circa, dunque una minoranza molto alta nelle quote del club. Da escludere una divisione più spezzettata del pacchetto azionario così come l’intervento di un socio addirittura di maggioranza, visto che i cinesi non hanno intenzione di abbandonare la nave così all’improvviso. Ma l’aiuto di un imprenditore con una quota minora (ma piuttosto significativa) ha diverse utilità pratiche e strutturali.

In primis Yonghong Li si potrà presentare di fronte al giudizio dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA con un aiuto in più, una carta da giocarsi per cercare di convincere Nyon a non escludere il Milan dalle coppe. Poi il versamento del nuovo socio per le quote di minoranza verrebbe in parte subito investito per l’aumento di capitale mancante da 30 milioni e probabilmente anche per rifinanziare parte del debito con Elliott Management. Ma in questi 21 giorni mister Li potrebbe anche pensare a riattivare le trattative per il rifinanziamento dell’intero debito da 303 milioni con un altro istituto di credito. Il tempo stringe anche in questo caso, ma il manager cinese appare sereno e ottimista, visto che quando è servito il suo intervento di ‘portafoglio’ non si è mai fatto attendere troppo.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it