Mirabelli David Han Li
Massimiliano Mirabelli e David Han Li (foto AC Milan)

MILAN NEWS – Schiettezza, fiducia e nessun pelo sulla lingua. Queste le impressioni che ha generato Massimiliano Mirabelli nella chiacchierata, riportata dalla Gazzetta dello Sport, fatta ieri a Gallipoli.

Il direttore sportivo del Milan ha parlato inizialmente con gli occhi malinconici della situazione del mercato in entrata, che come è noto da tempo resta bloccato almeno fino alla sentenza UEFA: “Non è possibile fare alcuna operazione di mercato, in questo momento. Occorre farsi sempre trovare pronti: le riunioni di mercato proseguono perché il monitoraggio non si ferma, anche se per ora non abbiamo fatto passi concreti con nessuno, in modo da evitare brutte figure. Dopo di che vedremo, ma sarà un mercato attento, intelligente e abbastanza contenuto”. In pratica il d.s. ha fatto il punto della situazione, confermando le intenzioni già descritte del Milan in estate.

Il discorso di Mirabelli ha svariato su più punti: il dare fiducia a Yonghong Li, che a suo dire ha sempre rispettato gli impegni e investito tanti soldi per la causa Milan. Ha confermato la grande anima viscerale di Rino Gattuso, tecnico indomito e già pronto a ripartire (“Fosse stato per lui avrebbe fatto il raduno il 1° luglio, non si ricordava più che c’era il Mondiale”), senza tralasciare quegli appunti sul mercato che verrà, tra acquisti utili ma non esagerati e soprattutto le cessioni in divenire.

Interessante ciò che Mirabelli ha ammesso dal punto di vista delle uscite, soprattutto in attacco: “Non ho alcun sentore di un eventuale fuggi fuggi. Basta pensare al rinnovo di Romagnoli, che si è legato a noi fino al 2022. E presto arriverà quello di Cutrone. Comunque fino a oggi nessuno ha mai chiesto di andare via. L’unico che ci ha fatto presente di avere altri progetti è Bacca. Per Kalinic e Silva la situazione è in divenire. Donnarumma? Credo che stavolta possa trascorrere un’estate tranquilla”. E se lo dice il direttore…

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it