Carlo Ancelotti
Carlo Anceloti (SSC Napoli)

NEWS MILAN – Domani non sarà un Napoli-Milan come altri, dato che Carlo Ancelotti affronterà Gennaro Gattuso e quei colori rossoneri che per tanti anni sono stati i suoi.

L’attuale mister della squadra partenopea ha parlato oggi in conferenza stampa in vista del big match del San Paolo. Queste le sue parole: «Domani vivrò un insieme di emozioni, sia per il debutto al San Paolo sia per il Milan, ma sono certo che daremo vita ad una grande serata di calcio. E’ sempre un piacere incontrare persone che per tanti anni hanno lavorato con me, Gattuso, Maldini, Leonardo e tutti quelli che sono rimasti lì. Domani ci sarà un concentrato di sensazioni ma soprattutto vorrei che il Napoli desse continuità alla vittoria di Roma».

Ad Ancelotti viene chiesto che Milan si aspetta domani sera al San Paolo. Lui risponde: «Il Milan è al debutto, ha una squadra rafforzata e ci sono tutti gli ingredienti per una bella partita. Certamente la vittoria con la Lazio ha accelerato i tempi della nostra autostima. L’autostima è molto importante nel nostro mondo, e per questo le vittorie aiutano a vincere. Lo abbiamo fatto sabato e vorremmo farlo domani».

A Carletto viene pure domandato se la sfida di domani è quella tra il maestro e l’allievo Gattuso: «No, non mi reputo un maestro. Gattuso ha delle capacità che si vedevano anche quando era calciatore. Se poi sono riuscito a dargli qualcosa, sono contento. Ma lui mi ha dato tantissimo da giocatore».

L’allenatore del Napoli nega che ci possa essere turnover a inizio stagione e non si sbilancia sulla scelta del portiere da mettere dal primo minuto: «Parlare di rotazione adesso è prematuro quando si gioca una volta a settimana. La rotazione ci sarà e ci sarà durante una stagione intensa. Portiere titolare? Karnezis ha fatto bene sinora. Ospina ha tanta esperienza, è un portiere di livello e può dare un contributo in questa stagione. Vedremo domani».

Infine Ancelotti parla di Gonzalo Higuain, sicuramente il pericolo numero 1 per la sua squadra domani sera: «Higuain lo conosco bene, conosciamo tutti il suo valore. Però la linea guida è quella di considerare la squadra avversaria e non il singolo. Higuain è un attaccante formidabile e cercheremo di dargli poche opportunità vicino alla porta».

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it