Gustavo Gomez
Gustavo Gomez (foto Palmeiras.com.br)

MILAN NEWS – Due anni e appena 20 presenze con la maglia del Milan. Un’esperienza in Italia sicuramente formativa per Gustavo Gomez, ma non proprio felice ed esaltante sotto l’aspetto strettamente personale.

Così il difensore paraguaiano, poco più di un mese fa, ha deciso di ripartire dal Sudamerica. Questa volta in Brasile, da un Palmeiras super attrezzato per provare a vincere. E direttamente da São Paulo, ai microfoni di Tuttomercatoweb, il giocatore torna a parlare della sua esperienza rossonera: “È stata una situazione difficile. Ora penso al futuro, sto giocando bene. Al Milan per fortuna è arrivato Leonardo con la nuova proprietà e fortunatamente abbiamo trovato una soluzione. Cosa è successo quest’estate prima che andassi via? Non l’ho capito neanche io”.

Il difensore ripercorre ripercorre le tappe dei suo anni a Milano: “Il primo anno sono stato bene. Ho giocato tante partite. Poi il secondo anno è arrivato Bonucci e avevo chiesto di andare via. Ma con la dirigenza non si riusciva a chiudere per la mia cessione per questioni di bilancio, che in realtà non rappresentavano un problema. Il problema erano loro”. 

Breve ma incisivo quando gli viene chiesto di Gennaro Gattuso: “Uomo vero. Un grande”. Discorso decisamente diverso invece per gli ex dirigenti del Diavolo“Mirabelli? No, nulla da dire. Non voglio parlare né di lui e né di Fassone”. 

Il classe 93, ancora di proprietà del Milan considerando l’attuale prestito con diritto di riscatto, si lascia andare anche a un pronostico sull’attuale stagione: “Il gruppo è buono, forte. Ci sono calciatori di esperienza. Arriverà in Champions. E poi Leonardo è una sicurezza”. Infine un doveroso saluto ai tifosi: “Mi hanno rispettato per due anni. Sono stato bene”.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it