Fabrizio Corsi
Fabrizio Corsi (©Getty Images)

MILAN NEWS – Consapevole del divario tecnico e delle attuali difficoltà, ma tutto sommato ottimista. Fabrizio Corsi, presidente dell’Empoli che domani sfiderà il Milan, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport nella quale non indietreggia affatto.

Subito la carica ai suoi: niente paura, ma sfrontatezza. Così il patron sprona la squadra: “La paura penalizza: bisogna essere positivi, soprattutto nelle sconfitte. E siccome siamo già a tre, preferisco pensare così: contro il Milan, facendo le cose per bene, ci può scappare una soddisfazione”. 

Un commento anche sul ribaltone in casa rossonera, col cambio di proprietà e gli investimenti stranieri: “Sono una conseguenza dell’impoverimento della nostra economia. Io ho nostalgia di Berlusconi e Galliani, ma mi piace che arrivino capitali stranieri a investire nel nostro calcio. Però mi piace anche che ci sia un presidente italiano come Scaroni, che il Milan chiami Maldini in società: le conoscenze dirette di un ambiente contano, anche nel calcio”. 

Tornando al calcio, il numero uno del club toscano traccia anche il percorso da intraprendere già domani: “Giocare bene va sempre bene, fare un punto in quattro partite ricevendo solo complimenti un po’ meno. Battere il milan stando nella nostra metà campo per 90’ non mi piacerebbe, farlo con tre occasioni da gol invece che le 7-8 avute contro il Sassuolo sì”. 

Parole al miele invece per Gennaro Gattuso, al suo secondo anno sulla panchina rossonera: “Di lui mi piace tutto, soprattutto come vive il suo ruolo: con la stessa passione che aveva da giocatore”. Poi il pronostico su Gonzalo Higuain: “Farà più di 20 gol. Leggevo di difficoltà a fargli arrivare la palla: visto il gol all’Atalanta, non direi”.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it