Jesus Suso
Jesus Suso (©Getty Images)

MILAN NEWS – Riecco Suso, 1728 minuti e 238 giorni dopo. L’ultima doppietta, inoltre, risale al 2006 in occasione del derby contro l’Inter. Un segnale chiarissimo in vista del prossimo 21 ottobre.

La grande certezza di Gennaro Gattuso. Perché lo spagnolo – come giustamente sottolinea La Gazzetta dello Sport – anche senza segnare è stato finora decisivo. Basta pensare ai tre assist stagionali, le molteplici occasioni create e il rendimento quando serviva un leader in attesa di Gonzalo Higuain. Le due reti al Mapei Stadium, poi, dimostrano che a 24 anni lo spagnolo è già pienamente maturo e capace di caricarsi di responsabilità.

Da quando è tornato al Diavolo dopo la parentesi al Genova, è sempre stato determinante. Prima con Vincenzo Montella, con il record di goal in campionato (7), poi ora con Rino. Tra le tante modifiche che il mister ha apportato alla ricerca della quadratura perfetta, lui è sempre stato lì. Inamovibile. Punto fisso e imprescindibile per la squadra. E anche in quest’avvio di stagione turbolento è stato sempre uno dei pochi a salvarsi. In particolare, tra coloro che non hanno mai mollato. E il goal ritrovato è stata la ciliegina sulla torta di un avvio di stagione super. Ora si attende il Pipita, per una coppia che può far sognare tutti.

 

Redazione MilanLive.it.

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it