Mateo Musacchio (©Getty Images)

MILAN NEWS – Un bollettino di guerra. Più passano le partite, più l’infermeria del Milan si riempie drammaticamente. Dopo la terribile notizia riguardo Lucas Biglia, ora anche Mateo Musacchio e Hakan Calhanoglu preoccupano in vista del big match con la Juventus di domenica sera.

E’ successo tutto nel finale: prima l’uscita dello spagnolo in barella e con il collo immobilizzato, poi quella del talento turco che all’89’ è rientrato verso la panchina zoppicando e accompagnato dallo staff medico. “Mateo è un sudamericano duro, ci ho parlato e conoscendo il suo temperamento sono certo che farà di tutto per esserci domenica, Calha ha subito un’altra botta sul collo del piede. L’ematoma lo sta limitando, speriamo di non perderlo con la Juve come era successo a Udine dopo che era uscito col Genoa”, sono state le parole fiduciose di Gennaro Gattuso nel post partita di Betis-Milan (Per le ultime news Milan sugli infortunati, CLICCA QUI!

Come riferisce La Gazzetta dello Sport, l’ottimismo è d’obbligo ma a due giorni dalla grande sfida la situazione è comunque preoccupante: al momento, i due si aggiungono agli indisponibili così come Davide Calabria, Giacomo Bonaventura e un certo Gonzalo Higuain oltre ai lungodegenti Mattia Caldara e appunto Biglia. Quest’ultimo, a causa di una lesione troppo estesa al gemello mediale del polpaccio destro, sarà costretto ad operarsi piuttosto che optare per una classica terapia conservativa. Lo strappo di circa 5 centimetri non lo permette: saranno così 4 i mesi di stop, una vera mazzata per il mister che aveva trovato nell’argentino uno dei massimi punti di riferimento in campo e nello spogliatoi. In attesa del calciomercato di gennaio, l’emergenza sarà tamponata con un adattato Tiémoué Bakayoko in regia o gli utilizzi di Riccardo Montolivo, José Mauri e Andrea Bertolacci finora accantonati.

 

Redazione MilanLive.it

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it