Ivan Strinic
Ivan Strinic (foto AC Milan)

MILAN NEWS – La fine del tunnel per Ivan Strinic. Tre mesi dopo, riecco la luce e il Milan. Risolti pienamente i problemi cardiaci riscontrati in estate: il giocatore ha ottenuto l’idoneità, con l’ipertrofia che si è dimostrata solo frutto dello stress. Il giocatore, ora pronto ad allenarsi a servizio di Gennaro Gattuso, ha raccontato il suo incubo ai microfoni de La Gazzetta dello Sport.

Il tutto è iniziato il 16 agosto, col comunicato del club giunto due giorni dopo tra lo sconcerto generale: “Dura spiegare quei momenti – racconta l’ex Sampdoria –. Ero nervosissimo, impaurito. E dire che in Russia avevo appena vissuto la mia esperienza più bella, con l’incredibile cavalcata sino alla finale. A ripensarci è tutto come in un film. Sulle prime quasi non ci credi, ma poi ti guardi intorno e devi fare coraggio soprattutto ai tuoi. Sono tornato a Spalato e in famiglia ho superato lo choc. Innanzitutto le attenzioni di mia moglie Ivana e soprattutto il sorriso di Marta e Pietro (di 4 e 5 anni, ndr), i miei figli”.

Il modo migliore era ingannare il tempo con una distrazione. Del tipo: “In barca, andando a pesca: il mio hobby. L’isola di Hvar è la mia passione, ma non ci tenevo proprio a questa vacanza. Ma la Madonna mi ha aiutato. No, non ho fatto un voto ma io sono credente; vado sempre a messa. Quest’esperienza ha rafforzato la mia fede”. 

Per restare aggiornato sulle ultime news MilanCLICCA QUI!

Ora il rientro effettivo in squadra. Il calciatore parla dei motivi che l’hanno portato al Diavolo e della concorrenza in gruppo: “Ho scelto questo club perché ha tutte le carte in regola per risalire e Gattuso sta facendo un bel lavoro. Sono ottimista sul ritorno in Champions. No problem per la concorrenza, un motivo in più per allenarsi con tanto impegno. Spero di tornare in campo il nuovo anno, consideratemi un rinforzo di gennaio”. 

Il classe 87 poi ringrazia la società e traccia il suo nuovo percorso milanese: “Devo ringraziare tutti, in particolare Leonardo e Maldini che mi hanno fatto sentire la loro vicinanza. Come anche Gattuso, fondamentale per la mia scelta. È ora di prender casa a Milano, mi piace la zona di City Life. Non vedo l’ora di fare la mia parte con il Milan, anche per riconquistarmi in fretta la maglia della Croazia”. 

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it