Tiémoué Bakayoko
Tiémoué Bakayoko (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il mondo del calcio, in quanto a giudizi frettolosi verso nuovi calciatori, è spesso impietoso. La prova vivente, e recente, è Tiémoué Bakayoko.

Partiamo dall’inizio, non della sua avventura al Milan, più in generale della stagioni in cui si è messo in evidenza in tutta Europa. La stagione 2016-2017 con il Monaco è sin qui la migliore della sua carriera: con il club francese ha raggiunto addirittura le semifinali di Champions League. Poi il salto di qualità al Chelsea, dove però ha deluso le aspettative nonostante la tanta fiducia e le partite giocate durante la gestione Antonio Conte. L’arrivo al Milan, in prestito oneroso e diritto di riscatto, era l’occasione giusta per ritornare ai livelli mostrati in Francia. Inizio più che deludente, con due spezzoni di partita giocati e tante critiche da parte di tutto il mondo calcistico italiano, milanisti in primis compresi.

(Per tutte le notizie H24 sul Milan, CLICCA QUI!)

Gattuso lo ha difeso, Bakayoko si è messo a disposizione del mister e della squadra, e quando ha avuto modo di giocare con continuità è riuscito ad esprimersi a buoni livelli. Oggi, anche a causa dell’assenza di Lucas Biglia per infortunio, è diventato imprescindibile per il centrocampo rossonero. Gattuso lo ha paragonato addirittura a Desailly, uno dei grandi giocatori del Milan del passato. I numeri di Bakayoko sono molto interessanti, dai dati Opta, eccone alcuni. Anzitutto la statistica che può sembrare la più valida, la direzione dei passaggi: il 32,5% è in avanti, seguono i passaggi verso destra e sinistra rispettivamente al 29% e 24%, mentre i retropassaggi sono soltanto il 14,7%.

La percentuale di passaggi riusciti è dell’85%: nella metà campo avversaria scende all’80%, mentre nella propria metà campo sale a circa 90%. Si contano inoltre 14 respinte difensive, quasi l’80% di duelli e contrasti vinti. Infine sono appena 5 i falli fatti, contro i 13 subiti: 2 i cartellini gialli collezionati. Ricordiamo che i dati fanno riferimento solo alla Serie A, e che soprattutto sono uniti alle prestazioni iniziali negative: se fossero considerate solo quelle delle ultime 5-6 settimane, i dati sarebbero ancora più positivi. Bakayoko ha giocato 10 partite totali in campionato, di cui solo le ultime 5 da titolare. Considerando anche l’Europa League, nelle prime 12 partite stagionali del Milan aveva giocato solo due volte da titolare, con 313 minuti accumulati. Nelle ultime sette sfide, le ha giocate tutte dal primo all’ultimo minuto: per un totale di 630 minuti.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it