Gonzalo Higuain
Gonzalo Higuain (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Altro che quiete dopo la tempesta, all’orizzonte si intravedono altre minacce in casa Milan per Gonzalo Higuaín. Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, il Chelsea non molla la presa e proprio nelle ultime ore c’è stata una nuova offensiva per il Pipita.

Londra-Torino, ora l’asse si muove lì. Perché Marina Granovskaia, braccio destro di Roman Abramovich, ha chiamato il responsabile dell’area sportiva della Juventus, Fabio Paratici, per chiedere del giocatore. Risposta: no ai prestiti secchi, l’attaccante si può muovere a gennaio solo in presenza di garanzie inequivocabili sul riscatto estivo.

Per restare aggiornato sul calciomercato MilanCLICCA QUI!

Calciomercato Milan, non solo Juventus: offerta dalla Cina per Higuain

Gli ostacoli restano i soliti: i 36 milioni di euro per il cartellino del giocatore e l’età di quest’ultimo, non proprio in linea con i parametri blues. Sembra però che a Londra stiano iniziando a valutare uno strappo alla regola data la carenza di profili di livello under 30 nell’immediato. La Vecchia Signora intanto ha chiarito le regole d’ingaggio, ora la società britannica rifletterà ma non va dimenticato ovviamente il Diavolo in tutto ciò. La presenza del Milan nella vicenda – sottolinea giustamente il quotidiano – aumenta ulteriormente il coefficiente di difficoltà per il club inglese. Il motivo è semplice: al momento i rossoneri non hanno pronto un sostituto, il che non permetterebbe mai una fumata bianca anche in caso di accordo tra le altre due parti.

In tutto questo, intanto, spunta anche un’offerta cinese che il giocatore chiaramente non considererà. La sua situazione però è destinata a restare incerta probabilmente fino alla fine della sessione invernale, anche perché – evidenzia la rosea – il giocatore al momento non ha fatto nulla per prendere una posizione chiara, come invece avrebbe gradito il Milan. Gennaro Gattuso, nel frattempo, ieri ne ha parlato così: “Si è presentato bene, se non si fosse allenato come piace a me non avrei preso la decisione di farlo scendere in campo contro la Sampdoria. Ci sono delle chiacchiere che lo riguardano in questo momento, ma vedo come si allena, la disponibilità che mi dà e la professionalità che ci mette. Il resto sono cose sue, di suo fratello, del suo procuratore che parla con Leonardo. Spero che rimanga il più a lungo possibile; se non sarà così, vedremo. Fin quando sarà qua e ci metterà questa professionalità per me non sarà un problema”. 

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it