Giorgio Chiellini
Giorgio Chiellini (©Getty Images)

MILAN NEWSGiorgio Chiellini ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Milan di Supercoppa Italiana. Da Jeddah (Arabia Saudita), il capitano bianconero ha risposto alle domande dei giornalisti italiani e locali.

Sulle differenze tra Doha 2016 e Jeddah 2019 e sulle questioni extra-supercoppa discusse in queste settimane: “E’ cambiato tanto da Doha, è un trofeo a cui teniamo. Arriva a metà della stagione, quindi è un po’ diverso rispetto agli altri. Però è un trofeo importante e dobbiamo dimostrarlo con i fatti. Negli ultimi anni di queste coppe ne abbiamo lasciate troppe per strada ed è un peccato. Sono contento che questa partita possa essere un motivo in più per l’evoluzione di questo paese. Magari anche per le donne. Lo vedo un passo avanti e non come un problema. Per il resto non saremo noi a cambiare il mondo. Però iniziative del genere possono dare un nuovo inizio”.

Inevitabile la domanda su Gonzalo Higuain: “Higuain è un grande giocatore, aiuta la squadra a giocare bene ed è letale negli ultimi metri. Mi aspetto un Gonzalo voglioso, dobbiamo essere bravi noi a spegnerlo. E’ un giocatore che vive di entusiasmo. Se crea occasioni, poi può diventare devastante. Se riusciamo a non farlo entrare in partita per noi è meglio. Poi in partite secche si vive sugli episodi. Serve rimanere concentrati sempre, la testa conta sempre. Vantaggi? E’ un vantaggio per entrambi, io conosco lui, e lui me, quindi ci annulliamo. C’è un affetto speciale con lui, è stato speciale nel nostro spogliatoio. Nei 90 minuti ognuno fa il suo, ma Gonzalo è generoso e buono come persona”.

Chiellini ha parlato anche di Patrick Cutrone: “È molto pericoloso in area di rigore. Ha un impatto devastante, sui cross e vicino all’area è molto decisivo. Lo ha dimostrato nell’ultima partita contro la Sampdoria. Siamo preparati a entrambe le eventualità, una punta o due”. 

Sarà la prima finale in bianconero per CR7:Cristiano Ronaldo vuol vincere, in queste gare si esalta. Ci aspettiamo tutti tanto da lui, come sempre. Lo vedo concentrato e voglioso di essere decisivo domani sera”. 

Sull’adattamento all’ambiente e sul record di trofei: “Il viaggio è stato un po’ pesante, visto che arriviamo dall’inizio della preparazione invernale. Nel secondo tempo potrà emergere maggiore stanchezza. Non sapevo che Milan e Juventus avessero 7 Supercoppe ciascuno. Faremo di tutto per arrivare a 8 domani”.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it