Tiago Djaló: “Mi criticano, ma il Milan mi ha voluto davvero”

tiago djalo milan
Tiago Djalo (foto Instagram)

NEWS MILAN Tiago Djalò è ormai un nuovo giocatore rossonero. E’ arrivato ieri a Milano, pronto per visite mediche e firma sul contratto. Sarà aggregato alla Primavera di Federico Giunti.

Il difensore centrale portoghese era in scadenza di contratto con lo Sporting Lisbona, quindi il Milan ha avuto vita facile nel riuscire a condurre in porto l’operazione. Addirittura è riuscito a portare subito il ragazzo in Italia, senza aspettare che arrivasse a parametro zero in estate. Il talento classe 2000 è stato voluto fortemente da Geoffrey Moncada, capo-scout rossonero molto attento alle giovani promesse.

-> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle ultime news MilanLEGGI QUI.

Tiago Djalò sul proprio profilo ufficiale Instagram ha voluto commentare il proprio trasferimento al Milan. Ha ringraziato lo Sporting Lisbona per averlo cresciuto, ma ha anche risposto a qualche critica che gli è arrivata. Infatti, tifosi della sua ex squadra lo hanno accusato di aver fatto una scelta prettamente economica. Lui non ha negato che un po’ di rilevanza i soldi l’hanno avuta, però a contare è stata soprattutto la fiducia del club rossonero nei suoi confronti.

Ecco le parole del difensore portoghese: «Molti criticano la mia decisione e dicono che ho solo pensato ai soldi. Okay, hanno il diritto di farlo. Non negherò che è stato un fattore importante e che ha pesato nel momento di decidere, ma ciò che ha pesato di più è stato sentire di contare su di me e mi hanno voluto davvero qui. Ringrazio questa grande istituzione che è lo Sporting Clube de Portugal per tutto quello che sono. E’ stato qui che sono cresciuto e sono diventato un uomo, quindi avrò sempre il massimo rispetto e un affetto speciale per questo club. Grazie anche a tutte le persone che ho incontrato in questa casa, che hanno contribuito direttamente o indirettamente a questa crescita. So che non sono stato sempre il meglio che potevo essere, ma sbagliare è umano. So che è un grosso rischio andarmene alla mia età, ma a volte devi correre dei rischi e andare a combattere con coraggio, e lo farò, il futuro appartiene a Dio. Grazie a tutti». 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Muitos vão criticar a minha decisão e dizer que só pensei no dinheiro, tudo bem, estão no vosso direito de fazê-lo. Não vou negar que foi um factor importante e que pesou no momento de decidir mas o que mais pesou ainda foi não sentir que contavam comigo e me queriam aqui de verdade. Agradeço a esta grande instituição que é o Sporting Clube de Portugal por tudo o que sou, foi aqui que cresci e me tornei um Homem, por isso terei sempre o máximo respeito e um carinho especial por este clube. Agradeço também a todas as pessoas com quem me cruzei nesta casa, que direta ou indiretamente, contribuiram para esse crescimento. Sei que nem sempre fui o melhor que podia ser mas errar é humano. Sei que é um grande risco sair com a minha idade mas por vezes há que assumir os riscos e partir para a luta com coragem, e é que vou fazer, o futuro a Deus pertence. ” Birds born in a cage think flying is a illness” Obrigado a todos.

Un post condiviso da Tiago Djalo_63 (@tiagodjalo_63) in data:

 

Redazione MilanLive.it