Gennaro Gattuso Milan Napoli
Gennaro Gattuso (©Getty Images)

NEWS MILAN – Questa volta niente beffa e nessuna rimonta del Napoli: 2-0 Milan, e il risultato non si smuove da lì. Lo scherzetto di Gennaro Gattuso a Carlo Ancelotti, l’allievo che supera il maestro per una sera.

Ed è un Rino indubbiamente soddisfatto quello apparso ieri nel post partita: “Bisogna dire bravi ai ragazzi, siamo stati solidi. Ci siamo difesi molto bene e abbiamo fatto la differenza con la qualità di Paquetá e Piatek e con le accelerazioni di Castillejo”. Questa volta, rispetto alla gara del San Paolo dello scorso agosto, la difesa rossonera tiene botta. Il mister, come riporta La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, ne parla così: “Se siamo stati capaci di non prendere gol è merito anche dell’aiuto che ci hanno dato gli esterni, Laxalt fin qui non aveva fatto bene ma avevo bisogno di freschezza. E poi c’è un Bakayoko che è cresciuto tantissimo in interdizione ed è diventato importante per noi. È un vertice basso atipico, perché a volte preferisce puntare l’avversario con la fisicità invece di lanciare, ma i rischi che si prende ci danno la superiorità. Ora però deve continuare così anche fuori dal campo, voglio vedere tutti educati e rispettosi, non sbagliare e non arrivare in ritardo”.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Soprattutto dopo la super prestazioni di ieri, l’allenatore non derogherà dal 4-3-3: “Quando abbiamo schierato due linee a quattro e due punte a volte non sono stato particolarmente soddisfatto, sono più contento quando vedo in campo una vera squadra, equilibrata”. E cresce intanto Lucas Paquetá: “Aggiunge quella qualità che dà respiro, i compagni si divertono e hanno ancora più voglia di tornare, di aiutare. Oggi ci facciamo prendere meno dalla paura quando qualcosa va storto”. Ringhio però non distoglie l’attenzione dall’obiettivo principale, ossia l’obiettivo 4° posto: “Lazio-Inter? Guardo solo la Roma, alla corsa Champions. Abbiamo sprecato qualche match-ball contro squadre come Bologna e Frosinone, ma non abbiamo mai perso l’umiltà. È quella che ci porta avanti, dobbiamo volare bassi”.

Redazione MilanLive.it