Rebus Calhanoglu: intoccabile per Gattuso, il Milan vuole sostituirlo

Hakan Calhanoglu e Malcuit (©Getty Images)

MILAN NEWS – Giocare con la maglia numero 10 del Milan non è mai facile, vista la pesante quanto prestigiosa eredità che tale numero si porta dietro con se’ da anni.

Grande scelta di personalità quella di Hakan Calhanoglu, talento turco che già al suo primo anno in rossonero ha scelto di indossare la 10, come un guanto di sfida verso chi lo considerava non all’altezza. L’ex Bayer Leverkusen aveva risposto con un ottimo campionato, agevolato dalla cura Gennaro Gattuso, tecnico che ha fatto intendere di voler puntare da subito su di lui.

-> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle ultime news MilanLEGGI QUI.

Gattuso è infatti anche oggi uno dei più strenui difensori di Calhanoglu: a detta di molti il turco sta disputando un’annata sotto le aspettative, con ancora zero reti in campionato e pochissime giocate degne di nota. Discontinuo, leggero ed a tratti nervoso il calciatore classe ’94, che nel ruolo di esterno sinistro disegnatogli da Gattuso non sembra garantire lo stesso apporto dello scorso campionato.

Eppure come detto il tecnico del Milan lo considera un intoccabile: nessuno nella rosa rossonera attuale sembra avere la stessa capacità di calcio, di cambio di gioco e di qualità sulle palle ferme, ma nonostante ciò Calhanoglu sta sfruttando ben poco tali caratteristiche. Gattuso lo difende mentre la società non sembra così sicura di puntare a lungo su di lui: non a caso a gennaio la trattativa per la cessione del turco al Lipsia sembrava poter decollare, se non fosse stato per lo stop comandato dal mister.

Idem per quanto riguarda la ricerca del Milan ad un nuovo esterno d’attacco: sondato il terreno per i vari Groeneveld, Carrasco, Deulofeu e Saint-Maximin, tutti possibili sostituti di Calhanoglu nel ruolo di ala sinistra. La scelta slitterà in estate: il 10 rossonero verrà ceduto per far spazio ad un esterno con qualità diverse? Oppure vincerà la linea Gattuso? Difficile capirlo, anche se molto dipenderà dalle prove future dello stesso talento 24enne.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it