Gazidis: “Fair Play Finanziario imperfetto. C’è collaborazione Uefa-Eca”

Ivan Gazidis
Ivan Gazidis (foto AC Milan)

NEWS MILAN – La questione Fair Play Finanziario è di stretta attualità per il Milan, che pare potrebbe trovare presto un accordo con l’UEFA senza prolungare ulteriormente la situazioni interpellando il TAS e nuovi ricorsi.

Chi si occuperà della questione sarà Ivan Gazidis, il quale ieri è stato rieletto come membro del board esecutivo della ECA, l’associazione dei maggiori club calcistici d’Europa che ha lo scopo di proteggere e di promuovere il calcio dei club europei. La possibilità di un armistizio Milan-Uefa è molto concreta. I rossoneri sono sicuri che Gazidis possa risolvere la questione, in quanto si tratta di un dirigente internazionale che ha voce in capitolo nei piani che contano. L’amministratore delegato milanista intanto ha detto la sua proprio sul Fair Play Finanziario: “L’ambizione che stava dietro il financial fair play era di portare più sostenibilità finanziaria nell’industria calcistica. I club europei sono ora in attivo, contro una perdita aggregata di 1,8 miliardi di qualche anno fa. E’ stato un progresso tremendo, il calcio europeo è diventato molto più solido”.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Tanti meriti, ma anche qualche difetto: “Il fair play ha molte imperfezioni ma la strada intrapresa ha portato più responsabilità nella gestione dei club. Dobbiamo continuare a lavorare sul financial fair play, dobbiamo continuare a rendere il gioco sano, non solo ai vertici ma a tutti i livelli. Ci sono le ambizioni sportive, ma abbiamo anche il compito, a livello finanziario, di rendere più sostenibile il sistema. La grande novità è che adesso tutti questi temi sono discussi in un’ottica collaborativa da Uefa ed Eca, e tra gli stessi club collettivamente, senza la corsa in avanti di questa o quella squadra”.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it