Milan, mercato estivo deludente: solo Bakayoko ha convinto

Tiemoué Bakayoko Atalanta Milan
Tiemoué Bakayoko (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il giudizio finale non ricadrà solo su Gennaro Gattuso. Come riferisce La Gazzetta dello Sport di oggi, in caso di flop finale, la responsabilità sarà anche degli uomini mercato, Leonardo in primis, i quali a loro volta verranno chiamati in causa e valutati da Elliott e dall’Ad Ivan Gazidis.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Oltre alle prestazioni sul campo, infatti, anche il mercato estivo infatti si è rivelato un flop. Tra i tanti innesti dell’ultima sessione estiva, solo Tiémoué Bakayoko è stato schierato titolare domenica a Torino. Nel momento cruciale della stagione, Rino non ha puntato sui nuovi nonostante i vecchi fatichino tremendamente. Malgrado tutto, il mister rossonero continua a preferire Suso, il cui ultimo gol si registra a gennaio, e Hakan Calhanoglu, col primo e ultimo squillo datato a metà febbraio piuttosto che Samuel Castillejo ritenuto meno affidabile. E al flop tecnico si aggiungerà anche quello economico, poiché in estate il Milan sarà obbligato da contratto a versare 14 milioni alla società spagnola per riscattarlo. Considerando i 4 già versati col cartellino di Carlos Bacca, la valutazione finale e complessiva del 24enne di Malaga era stata di 25 milioni.

Costosa è stata anche l’operazione per Diego Laxalt, a cui continua a essere preferito Ricardo Rodriguez: 18 milioni al Genoa, anche se il club ne risparmiati 11 con la cessione ai rossoblù di Gianluca Lapadula. Con Mattia Caldara sfortunatissimo, l’emblema del fallimento resta Gonzalo Higuaín: in sei mesi, appena 8 goal in 22 partite totali. Il tutto però con un mega investimento e un ingaggio da superstar da 9 milioni e mezzo di euro. Errori che pesano e peseranno tantissimo sul bilancio milanista. Perché con l’attuale settimo posto, oggi sarebbe Europa League solo se l’Atalanta dovesse vincere la Coppa Italia. Dovesse essere fallito anche l’approdo ai gironi di Europa League, dopo il tesoretto da 50 milioni della Champions molto probabilmente sfumato, non entrerebbero nemmeno i ricavi dell’Europa minore: ossia 6 milioni tra quota garantita e ranking storico parliamo di circa 6 milioni, a cui sommarne dai 7 ai 15 di market pool.

 

 

 

Redazione MilanLive.it