Gattuso infuriato, Milan in ritiro: gli ultimi due precedenti

Gennaro Gattuso Milan
Gennaro Gattuso (©Getty Images)

NEWS MILAN – Da oggi la squadra rossonera sarà in ritiro a Milanello. Una decisione presa da Gennaro Gattuso per cercare di avere una reazione positiva nelle ultime quattro giornate di campionato.

Il mister avrebbe voluto iniziarlo già dopo sconfitta in Torino-Milan, ma la dirigenza si è inizialmente opposta. Poi ieri, in seguito anche al grave ritardo di Tiemoué Bakayoko all’allenamento, Rino ha scelto di riproporre nuovamente la soluzione del ritiro e questa volta la società lo ha appoggiato. Ieri a Milanello c’era Leonardo, che ha completamente avvallato la decisione.

-> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle ultime news MilanLEGGI QUI.

Gattuso già da martedì, alla ripresa degli allenamenti, non era contento dell’atteggiamento della squadra. L’episodio riguardante Bakayoko ha rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. C’erano stati altri comportamenti poco professionali in precedenza e il mister non a caso qualche giorno fa ha parlato della grande professionalità del suo vecchio Milan, facendo un paragone con i ragazzi del calcio moderno.

Bisognerà vedere se il ritiro, che durerà fino a lunedì (giorno di Milan-Bologna), sortirà gli effetti sperati. L’ultima volta che nell’ambiente rossonero è stata presa questa decisione era dicembre 2017, Gattuso era subentrato da poco a Vincenzo Montella e la squadra perse clamorosamente a Verona contro l’Hellas per 3-0. Una settimana dopo, però, il Diavolo perse 0-2 a San Siro contro l’Atalanta.

Prima di Rino, quel tipo di scelta fu presa anche quando in panchina c’era Sinisa Mihajlovic. Dopo la sconfitta di Bergamo contro l’Atalanta ad inizio aprile 2016, il tecnico serbo in accordo con la società decise di portare la squadra in ritiro per 6 giorni. Nel match successivo c’era la sfida contro la Juventus, che il Diavolo perse e ciò costò il posto all’attuale allenatore del Bologna: fu esonerato da Silvio Berlusconi e rimpiazzato da Cristian Brocchi, allora tecnico della Primavera. Speriamo che stavolta il Milan vinca.

 

Redazione MilanLive.it