Milan-Bologna, probabili formazioni: spazio ad Abate e Cutrone

Patrick Cutrone in Parma-Milan
Patrick Cutrone in Parma-Milan (©Getty Images)

MILAN NEWS – Una svolta nel finale. Questo serve al Milan per cercare di recuperare il terreno malamente perduto negli ultimi due mesi e riacciuffare la zona Champions League.

Un’impresa difficile che passa anche dal match contro il Bologna di lunedì sera, quando i rossoneri ospiteranno una squadra in salute e pronta a dare battaglia per blindare definitivamente una salvezza che fino a qualche mese fa sembrava ardua e quasi impossibile. Per cercare di ottenere i tre punti, Gennaro Gattuso cambierà qualcosa a livello tattico e strategico, a partire dal modulo di base che sarà schierato nel ‘monday night’ di Serie A.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Milan vs. Bologna, le probabili formazioni del match di lunedì

Il Milan dunque dovrebbe schierarsi con un quasi inedito 4-3-1-2, modulo utilizzato soltanto contro l’Udinese in tempi recenti. L’idea di Gattuso è quella di cambiare per portare Lucas Paquetà dall’anonimo ruolo di mezzala ad agire come fantasista alle spalle di due punte, Cutrone e Piatek che dovranno dialogare per riportare gol e pericolosità in favore dei rossoneri. In difesa tante le defezioni e scelte dunque obbligate: Abate tornerà titolare come terzino destro con Musacchio e Zapata coppia di centrali. Infine Calhanoglu dovrebbe arretrare sulla linea dei centrocampisti.

Risponderà il Bologna dell’ex di turno Sinisa Mihajlovic con il 4-2-3-1 con cui tanto bene ha fatto sinora: privi di Mbaye e Soriano squalificati, i rossoblu si affideranno a Palacio come unica punta supportato da Orsolini e Sansone sulle corsie laterali. In campo anche l’ex Poli come mediano centrale.

MILAN (4-3-1-2): Donnarumma; Abate, Musacchio, Zapata, Rodriguez; Kessie, Bakayoko, Calhanoglu; Paquetà; Cutrone, Piatek. All: Gattuso.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Calabresi, Danilo, Lyanco, Dijks; Poli, Pulgar; Orsolini, Dzemaili, Sansone; Palacio. All: Mihajlovic.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it