Conte, no alla Roma: ora la favorita è l’Inter

Conte Antonio
Antonio Conte (©Getty Images)

NEWS MILANAntonio Conte non vede l’ora di ripartire. E per farlo, vuole scegliere la piazza giusta. Altrimenti preferisce rimanere fermo, come ha spiegato nell’intervista alla ‘Gazzetta dello Sport’.

Ha tracciato la linea: “Chi mi vuole sa che devo incidere. Io voglio vincere“, ha spiegato in maniera chiara e concisa l’ex allenatore della Juventus. Come spiegato da Carlo Laudisa sulle colonne della ‘rosea’, Conte è affascinato dall’idea di riportare in alto il Manchester United e segue con attenzione il cammino di Solskjaer. Il norvegese ha rinnovato il contratto per tre anni, ma questo deludente finale di stagione (‘Red Devils’ fuori dalla corsa Champions League) potrebbe rimettere nuovamente tutto in discussione. E quella sarebbe la prima scelta del leccese. Che segue anche Bayern Monaco e Paris Saint-Germain, anche loro probabilmente in cerca di una nuova guida tecnica.

Conte, Milan lontanissimo

Esclusa quindi l’opzione Roma (“amo la città, ma non ci sono le condizioni”, ha detto), in Serie A l’opzione più plausibile è l’Inter, dove ritroverebbe Giuseppe Marotta con cui ha condiviso anni importanti alla Juventus. In casa nerazzurra la situazione è bloccata, in attesa della definitiva conquista della Champions League: Suning vuole tornare grande e pensa che l’accoppiata Conte-Marotta sia la strada da intraprendere, ma Luciano Spalletti ha ancora un contratto di due anni. Resta sullo sfondo l’opzione Juventus, anche se pare improbabile il divorzio con Massimiliano Allegri. La logica, spiega Laudisa, porta altrove, e cioè a Milano sponda nerazzurra. Lì troverebbe una rosa già forte da migliorare con dei colpi mirati. Sembra quella la soluzione definitiva, che si concretizzerà nelle prossime settimane. C’è da risolvere il contratto di Spalletti. Il Milan appare lontanissimo dall’orbita Conte: la porta non è ancora chiusa del tutto, ma in questo momento sembra l’ipotesi più improbabile. Il giallo potrebbe risolversi a breve.

 

Redazione MilanLive.it