Milan, sondaggio per Castagne: l’Atalanta chiede 20 milioni

castagne calciomercato milan
Timothy Castagne e Andrea Masiello (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Per il Milan sarà un’estate molto importante. Tutto dipende dalla qualificazione o meno in Champions League. Ma in molti sono già pronti a scommettere: il ‘Diavolo’ affronterà un’altra rivoluzione.

Parlare oggi di calciomercato è impossibile. Ma le voci già girano e Leonardo qualche sondaggio lo ha fatto. Il direttore tecnico rossonero ha messo gli occhi su Timothy Castagne, uno dei calciatori maggiormente valorizzati quest’anno dal mago Gian Piero Gasperini nella sua splendida Atalanta. Un esterno non solo di spinta e affidabilità difensiva: a Bergamo ha completato il suo processo di maturazione anche in fase offensiva, realizzando addirittura cinque reti (uno in Coppa Italia). Il sistema di gioco del Gasp valorizza molto le fasce; anche Andrea Conti, nella sua ultima stagione in nerazzurro, collezionò numeri incredibili.

Milan-Castagne, muro Percassi

Come spiega ‘Calciomercato.com’, da mesi il Milan segue il belga, classe 1995. Ma trattare con Antonio Percassi è molto difficile e la società rossonera lo sa bene. Il valore del giocatore è aumentato parecchio in questi ultimi mesi: la richiesta è di 20 milioni. L’operazione non è semplice chiaramente e serve prudenza. A gennaio la ‘Dea’ ha rifiutato 9 milioni dal Celtic, proprio perché aveva previsto il suo exploit. Oggi vale il doppio, se non di più. In effetti un esterno con queste statistiche a livello realizzativo non può che avere un valore molto alto. Nel calcio moderno interpreti del ruolo così sono essenziali. Difficilmente il Milan investirà una cifra così alta per Castagne, anche perché in quel ruolo la rosa è coperta: c’è Davide Calabria, su cui Leonardo e Paolo Maldini puntano tantissimo, e c’è anche Conti, nonostante le tante difficoltà affrontate quest’anno. L’ex Atalanta non riesce ancora ad esprimersi sui suoi livelli abituali e non ha convinto granché quando chiamato in causa. Sicuramente gli infortuni dello scorso anno hanno rallentato la consacrazione, ma bisogna reagire. Il Milan gli darà un’altra chance, a meno di ripensamenti. Con questa situazione, ci sembra impossibile o quasi che il club investa sul belga.

 

Redazione MilanLive.it