SPAL-Milan 2-3, le pagelle: diga Bakayoko, Kessie decisivo davanti!

esultanza kessie calhanoglu
L’esultanza di Hakan Calhanoglu e Franck Kessie (©Getty Images)

Fischio finale allo stadio Paolo Mazza di Ferrara: SPAL-Milan 2-3. Vittoria doveva essere, ed è stata. Purtroppo dagli altri campi non è arrivata la notizia sperata e il Milan deve accontentarsi soltanto della qualificazione alla prossima Europa League.

Parte bene il Milan che trova il doppio vantaggio dal 19′ al 23′ con Hakan Calhanoglu e Kessie. Poi leggero calo, magari con la testa agli altri campi e i padroni di casa trovano il gol che riapre il match di testa con Vicari. Nella ripresa è ancora la Spal più in palla e trova anche il pareggio con Fares. Dagli altri campi cominciano ad arrivare brutte notizie, ma i rossoneri trovano il nuovo sorpasso con la doppietta di Franck Kessie su calcio di rigore procurato da Piatek. Non arrivano buone notizie da San Siro, mentre al Mapei Stadium l’Atalanta aveva già chiuso la pratica. Il Milan finisce quinto in classifica, ad un punto da Inter ed Atalanta.

SPAL-Milan: tabellino, voti e pagelle

Marcatori: 19′ Calhanoglu (ass. Kessie); 23′ Kessie (ass. Rodriguez); 28′ Vicari; 52′ Fares; Kessie (R.).

Ammoniti: Abate, Bonifazi, Cionek, Bakayoko.

Espulsi: /

SPAL: Gomis 6; Cionek 6, Vicari 7, Bonifazi 7; Lazzari 6,5, Valoti 6, Murgia 6, Kurtic 6, Fares 7; Antenucci 5,5, Petagna 6.
Allenatore: Semplici 6.

MILAN: Donnarumma s.v. (Dal 20′ Reina 6); Abate 6 (Dal 63′ Cutrone 6), Musacchio 6, Romagnoli 6,5, Rodriguez 6; Kessie 7, Bakayoko 7, Calhanoglu 7; Suso 6, Piatek 6+, Borini 7 (Dall’80’ Conti 6).
Allenatore: Gattuso 6.

-> Per rimanere aggiornato e seguire tutte le news MilanCLICCA QUI <-

SPAL-Milan: le pagelle dei rossoneri

Donnarumma s.v.: problema al quadricipite della coscia destra per Gigio dopo 19 minuti, dopo il suo lancio ad inizio azione dal quale nasce proprio il gol del vantaggio milanista.
(Dal 20′ Reina s.v.: non può nulla sui gol subiti. Nessun intervento importante).

Abate 6: fa il suo lavoro, rischiando anche troppo in fase difensiva sugli inserimenti degli avversari dall’esterno.
(Dal 63′ Cutrone 6: fa la seconda punta e i rossoneri trovano subito il gol del 3-2, poi fa l’esterno sinistro ma fallisce un paio di contropiedi calciando male dal limite).

Musacchio 6: aggressivo contro i due centravanti avversari, da migliorare certe gestioni di palla in fase d’uscita.

Romagnoli 6,5: dà poco spazio a Petagna ed è attento in fase di uscita e costruzione.

Rodriguez 6: ha sempre bisogno del raddoppio di Borini, ma ciononostante lasciano troppi spazi agli avversari. Bene in fase offensiva.

Kessie 7: gol e assist nel primo tempo, entrambi di ottima fattura. Nella ripresa è freddo nello spiazzare il portiere su rigore. Doppietta per lui, più assist. Bottino finale non male.

Bakayoko 7: una diga davanti la difesa, copre la mediana su tutto il fronte, centro, destra e sinistra senza problemi. Riesce ad ottenere la superiorità numerica in mezzo al campo con un paio di belle giocate in costruzione.

Calhanoglu 7: trova il secondo gol in Serie A, ancora in trasferta, con un bel destro a filo d’erba direzionato sul secondo palo. Ci prova con altri tiri, ma è meno fortunato. Bravo a correre fino all’ultimo minuto.

Suso 6: meno lucido delle ultime prestazioni, e anche meno incisivo in zona offensiva. Quando serve però si sacrifica dietro per il bene della squadra.

Borini 7: corre dal primo all’ultimo minuto, mette anche testa e qualità in zona offensiva. Nella ripresa fa prima il quinto di difesa e poi addirittura il terzino destro. Lascia il campo stremato, come sempre.
Dall’80’ Conti 6: tiene bene in difesa, senza rischiare.

Piatek 6+: fa a sportellate con tutti, non trova il gol nel primo tempo nonostante due tiri, di cui uno di testa che poteva andare meglio. Nella ripresa ha il merito di conquistarsi il calcio di rigore poi segnato da Kessie.

All. Gattuso 6: l’uno-due del primo tempo lasciava spazio al controllo dei risultati sugli altri campi, ma il Milan tiene anche i suoi tifosi incollati al Mazza di Ferrara perché ci mette poco a farsi pareggiare tra primo e secondo tempo. Poi il nuovo sorpasso su rigore di Kessie, ma non mancano le occasioni per la Spal soprattutto con la traversa di Floccari. Alla fine si chiude il campionato con 68 punti, a meno uno da Inter e Atalanta che sugli altri campi hanno sofferto tantissimo, soprattutto l’Inter, ma alla fine con tanta tanta fortuna hanno ottenuto i tre punti. E il Milan si deve accontentare solo dell’Europa League.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it