Praet e Andersen: primi nomi per il Milan di Giampaolo

Praet dennis
Dennis Praet esulta (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Ad oggi, con i vari incastri del valzer allenatori ormai quasi definiti, pare che il Milan punterà tutto su Marco Giampaolo come nuovo allenatore.

Finalmente arriva la grande chance per il tecnico di Bellinzona, che ha sempre lavorato molto bene in provincia e che ha solo sfiorato finora il passaggio in un grande club nel quale portare le proprie idee sempre innovative ed un gioco esaltante. Come quello mostrato alla Sampdoria, piazza nella quale Giampaolo ha potuto lavorare con serenità e lanciare anche ottimi calciatori.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Calciomercato Milan, ecco le prime richieste di Giampaolo per la rosa

Se dovesse realmente concretizzarsi l’opzione Giampaolo, foraggiato in maniera evidente da Paolo Maldini, il Milan dovrà accontentarlo dal punto di vista delle scelte tecniche, acquistando rinforzi che possano essere idonei all’utilizzo del suo caro 4-3-1-2, modulo che lo accompagna praticamente da sempre.

Secondo il Corriere dello Sport le prime richieste di mercato del tecnico riguarderebbero due calciatori allenati di recente alla Samp: il centrocampista tuttofare Dennis Praet ed il giovane difensore Joachim Andersen. Due nomi interessanti, sia per l’età ancora verdissima sia per le qualità mostrate nell’ultimo campionato di Serie A.

Di Praet si parla ormai da giorni, visto che rappresenta il centrocampista ideale per Giampaolo: duttile, dinamico e tecnico, tanto da poter giocare da mezzala o all’occorrenza anche da regista davanti alla difesa. Andersen invece è un difensore interessante e fisicamente già esplosivo, di origine danese e sul quale Giampaolo ha voluto puntare ciecamente nell’ultima stagione regalandogli il posto da titolare accanto al gigante Colley.

Il doppio colpo dalla Sampdoria costerebbe sui 55-60 milioni di euro, non poco per le casse del Milan ma allo stesso tempo cifra ideonea nel caso in cui i rossoneri sacrificassero un paio di big sul mercato per reinvestire su talenti giovani e funzionali.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it