Milan, idee da Genova: Andersen, Praet e spunta Ronaldo Vieira

Ronaldo Vieira (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – In attesa dell’ufficialità, prende già forma il Milan di Marco Giampaolo. Il 4-3-1-2, la valorizzazione di Lucas Paquetá e Patrick Cutrone e soprattutto un mercato che, per quanto frenato, dovrà comunque rinforzare i Diavolo in vista della prossima stagione. E il tecnico abruzzese – rivela La Gazzetta dello Sport – sembrerebbe avere già le idee chiare in merito.

Un difensore centrale, due centrocampisti e un attaccante: senza considerare cessioni e altre possibili staffette, dovrebbe essere questi gli obiettivi della società considerando l’addio di Cristian Zapata, le varie uscite in mediana e un reparto offensivo che ha dimostrato di aver bisogno di uno sprint per incidere con efficacia.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sul calciomercato MilanCLICCA QUI <<

Calciomercato Milan: le cifre per Andersen, Praet e Ronaldo Vieira

Per quanto riguarda un difensore e un centrocampista, Giampaolo potrebbe puntare su due fedelissimi in blucerchiato: Joachim Andersen e Dennis Praet. Note positive della stagione doriana, entrambi rientrano perfettamente nell’identikit di Ivan Gazidis: 23enne il centrale danese, 25enne il centrocampista belga. Andersen ha un contratto in scadenza nel 2022, 2012 invece per il centrocampista belga: a loro si erano già interessati club di Premier League, con la Sampdoria che ipotizzava un ricavo complessivo di 45-50 milioni dalla doppia.

Ma spunta anche una suggestione-scommessa per la nuova mediana milanista, considerando che è anche svuotata dopo le uscite di Tiémoué Bakayoko, José Mauri, Riccardo Montolivo e Andrea Bertolacci: ossia Ronaldo Vieira, centrocampista classe 98 della Samp che Giampaolo chiama ‘il bambino’. Per caratteristiche sarebbe il sostituto ideale di Bakayoko, data la capacità di giocare sia da mezzala che da regista difensivo. E ci si può arrivare con meno di 10 milioni – suggerisce la rosea – per una quotazione non è cresciuta moltissimo dal suo arrivo in Italia a oggi. Bisognerà capire la disponibilità di Massimo Ferrero per un talento su cui era pronto a puntare tanto. Con soli 20 anni, del resto, il tempo è tutto dalla sua parte.

 

 

Redazione MilanLive.it