News Milan: contro Israele Piatek non ha fatto la tipica esultanza per motivi politici.

Krzysztof Piatek
Krzysztof Piatek (©Getty Images)

Per Krzysztof Piatek è stata una stagione incredibile. Trentaquattro le reti totali, fra Genoa, Milan e Nazionale. Soltanto un anno fa era uno sconosciuto, oggi è uno dei migliori centravanti d’Europa.

Ma non solo questioni di campo. Il ‘Pistolero’ è diventato molto di più, un vero e proprio simbolo e beniamino della sua Polonia, fino a diventare testimonial di una nota compagnia telefonica. Negli ultimi due impegni contro Macedonia e Israele ha lasciato ancora il segno, raggiungendo quota quattro gol in sei presenze con la Nazionale. Anche qui, numeri pazzeschi. Nella prima, a Skopje, ha deciso la partita con la sua rete. E ha ovviamente esultato con le sue tipiche pistole. Un gesto che però aveva creato malumore in tutta la Macedonia

Come scrive la ‘Gazzetta dello Sport’, ieri sera invece ha preferito non “sparare” dopo il gol che ha sbloccato la partita. Stando ai media polacchi, non è una casualità: pare infatti che Piatek abbia rinunciato alla sua esultanza proprio per motivi politici, essendo Israele un bersaglio molto sensibile sotto questo punto di vista. Poco importa comunque, il gol resta. Ed è la sua trentaquattresima firma in una stagione da capolavoro. Ma lui è stato chiaro: “L’anno prossimo voglio fare ancora meglio“. I tifosi del Milan incrocino le dita…

PIATEK-ISRAELE 4-0, PIATEK ANCORA IN GOL – VIDEO

 

Redazione MilanLive.it